Il giovane è accusato di tentato omicidio ma la polizia sta indagando su un altro episodio

La Polizia ha effettuato un fermo per tentato omicidio a Foggia
La Polizia ha effettuato un fermo per tentato omicidio a Foggia

Arriva dalla Puglia la vicenda di un giovane che investe due fratelli con l’auto dopo una lite: per quella esplosione di violenza è stato fermato un 26enne di Foggia ma la polizia sta indagando su un altro episodio in cui contro il fermato sarebbe potuta scattare una sorta di ritorsione pure criminale. Il dato storico è che lo scorso 15 aprile il fermato ha litigato con due fratelli e per regolare i conti ha deciso di farsi giustizia a modo suo ed in maniera illegale.

Investe due fratelli con la sua auto

Come? Il 26enne è salito a bordo della sua auto ed ha cercato di investirli. Sempre i media locali spiegano che delle due “vittime predestinate” una è riuscita a sfiggire, mentre l’altra ha subito lesioni per le quali ne avrà per 40 giorni. Dopo il fermo ad opera degli agenti della Polizia di Stato il giovane, fermo per tentato omicidio, il 26enne è stato arrestato con validazione del gip e detenuto in carcere. Pare che i tre abbiano litigato litigato per motivi banali, ma ci sono ulteriori elementi.

L’incendio a casa della madre del 26enne

Quali? Lo stesso giorno dell’investimento era finita in ospedale anche la madre dell’indagato, dopo che la sua abitazione era stata preda di un principio di incendio. Qualcuno aveva dato fuoco ad un pneumatico e lo aveva lanciato nel giardino di un’abitazione al piano terra. La madre del 26enne aveva aperto la porta ed era stata investita dalle fiamme. Fiamme per cui alla vittima erano state diagnosticate ustioni che ancora oggi la tengono ricoverata in ospedale. Gli investigatori stanno indagando per verificare quell’incendio possa essere stato una sorta di “ritorsione” per quanto fatto dal figlio in quelle stesse ore.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli