Il giovane era in gita con la famiglia e ad un certo punto avrebbe deciso di fare un giro da solo

·2 minuto per la lettura
Un mezzo della Croce Verde di Portoferraio
Un mezzo della Croce Verde di Portoferraio

Ennesima tragedia del mare, stavolta a Livorno, dove un 16enne si allontana con un gommone e dopo ricerche spasmodiche viene trovato morto. Il giovane era in gita marittima con la famiglia e ad un certo punto aveva deciso di fare un giro da solo, ma nella ricostruzione dell’accaduto i media danno versioni leggeremente differenti. Lo storico tragicamente certo è che il corpo del 16enne è stato recuperato nella giornata del 2 ottobre in fondo al mare, a Cala Buccari all’Isola d’Elba, nel comune di Portoferraio.

Un 16enne trovato morto a Livorno: si era allontanato dopo un giro in barca

Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto il giovane si sarebbe allontanato da solo con un gommone, mentre era in vacanza con uno zio e la compagna dello zio. Non riuscendolo a vedere più e dopo averlo cercato invano, i congiunti avevano lanciato l’allarme alla Capitaneria di Porto. Gli uomini dello spot di sicurezza marittima avevano avviato quindi le ricerche assieme ad una squadra del 118.

Le ricerche frenetiche del 16enne trovato morto al largo dell’Elba, a Livorno

Ricerche che purtroppo, dopo la segnalazione di alcuni bagnanti, si sono concluse con il più tragico degli epiloghi, dato che il corpo senza vita del 16enne è stato trovato sul fondale, esanime. Il giovane è stato recuperato e portato a razzo sulla darsena medica di Portoferraio. Lì un team sanitario della Croce Verde di Portoferraio e il medico hanno tentato di rianimarlo, ma invano: il ragazzo pare fosse già morto. Una ricostruzione leggermente differente dell’accaduto parla si dell’allontanamento del giovane, ma a nuoto e da una barca a vela, non da un gommone, con cui aveva appena fatto un giro in mare nella zona di Cala di Mandriola.

Forse stroncato da un malore che lo ha fatto annegare il 16enne trovato morto a Livorno

Il medico legale, dopo un primo esame e con il placet del magistrato di turno al momento della tragedia, ha restituito la salma alla famiglia. Pare che il sedicenne sia morto si annegato ma molto probabilmente a seguito di un malore. E i media locali spiegano che quella del 2 ottobre è solo l’ultima tragedia in zona: poche settimane fa, il 16 settembre, sempre all’Elba era morto infatti mentre pescava al largo un altro giovane.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli