Il giovane influencer è stato trovato cadavere nel parcheggio di un centro commerciale

Cooper Noriega
Cooper Noriega

Dopo una vita breve ed una serie di vicende legate alle dipendenze è morto negli Usa a soli 19 anni: un giovane con fantasmi orribili del passato, ecco chi era il tiktoker Cooper Noriega. I media spiegano che il giovane modello ed influencer è stato trovato cadavere nel parcheggio di un centro commerciale a Los Angeles e che il suo decesso ha assunto toni da giallo. Noriega era giovanissimo ma aveva un posto d’onore nell’olimpo dei social: su TikTok era seguito da 1.7 milioni di persone e giusto sul social cinese aveva scritto poco prima di morire: “Chi altro pensa che morirà giovane?”.

Morto il tiktoker Cooper Noriega, il “giallo”

Il tutto corredato ovviamente da un video. Allo stato e secondo la polizia di Los Angeles non ci sarebbero legami fra quanto proclamato nel video e quanto accaduto. Ad ogno modo il sito Tmz spiega che un passante “ha trovato il ragazzo privo di sensi nel parcheggio di un centro commerciale poco fuori Los Angeles e ha immediatamente chiamato i soccorsi”. Il corpo di Noriega non presentava segni di violenza e lì non ci era arrivato con la sua auto, insomma, un mistero sul quale è stata disposta anche una autopsia. E c’è un particolare: lo scorso 5 giugno Cooper aveva creato un gruppo, Discord, lo scopo era discutere di salute mentale.

“Lotto con la dipendenza da quando avevo 9 anni”

Cooper scriveva: “Ho lottato con la dipendenza da quando avevo 9 anni, si potrebbe pensare che sia pazzesco, ma questa è la vita che mi è stata data. Vorrei usare la mia influenza per creare uno spazio basato sulla diffusione della consapevolezza e sulla normalizzazione del parlare di malattie mentali”. E ancora: “Una delle tante cose che ho imparato mentre lottavo con la dipendenza è che circondarti di persone negative ti farà solo cadere”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli