Il giudice: "L'ex compagna di cella sfrutta fragilità della Reggiani: lasci la sua villa"

·1 minuto per la lettura
- (Photo: STEFANO PORTA/ANSA)
- (Photo: STEFANO PORTA/ANSA)

Patrizia Reggiani in balia dell’ex compagna di cella, il giudice: “Sfrutta la sua fragilità, deve lasciare la sua villa”. A riportare la notizia è il Corriere della Sera spiegando parlando di Loredana Canò, ex compagna di detenzione della vedova di Maurizio Gucci, diventata sua “assistente personale” e andata a vivere con lei nella lussuosa abitazione di Milano.

Decisiva per far scattare “l’ordine di protezione” del Tribunale è stata la testimonianza del domestico, che ha portato al nuovo amministratore di sostegno della Reggiani due audio che dimostrano come Loredana Canò stesse “sfruttando la fragilità psichica” dell’amica milionaria. Il Corriere aggiunge che la donna

“attraverso vessazioni, violenze, ossessivo controllo e manipolazioni” stesse volgendo “a suo esclusivo vantaggio le importanti possibilità economiche della Reggiani”, segnata dal 1992 dalle conseguenze neurologiche dell’asportazione di un tumore al cervello.

Ora la donna sarà tenuta ad allontanarsi dalla lussuosa abitazione della Reggiani, a non avvicinarsi più ai luoghi da lei abitualmente frequentati, a “cessare la condotta pregiudizievole” con cui - scrive il Corriere - avrebbe fino ad ora “indebitamente condizionato la vita privata” della Reggiani “al fine di manipolarla e orientarne la volontà”.

Il Corriere specifica che la misura non va confusa con un’inchiesta penale avviata in aprile per “circonvenzione di incapace” che aveva coinvolto Canò insieme al precedente amministratore di sostegno e all’avvocato a capo della Fondazione beneficiata dal testamento della madre di Reggiani, né con la misura cautelare dell’“allontanamento dalla casa familiare”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli