Il governatore non considera un eventuale peggioramento

·2 minuto per la lettura
Toti
Toti

Giovanni Toti, governatore della Liguria, intervenendo ad “Un giorno da pecora” ha spiegato che non ha intenzione di prendere in considerazione la zona rossa per la sua Regione. La Liguria ha rischiato in queste settimane, ma è passata da zona gialla a zona arancione, mentre ora sembra esserci un lieve calo dei contagi.

Liguria in zona rossa

Diventare zona rossa è un’eventualità che non prendo neanche in considerazione per l’evoluzione dell’Rt” ha spiegato Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria. Il governatore ha aggiunto che “se entro fine mese l’indice Rt scenderà sotto lo zero e se calerà il numero di ricoverati, potremo valutare di interventi ampliativi da attuare per il ponte dell’Immacolata. Ma ancora per qualche giorno la Liguria sarà arancione“. Per la Liguria potrebbe esserci un ritorno alla zona gialla, se i parametri rimangono in discesa per almeno due o tre settimane. Il Natale in Regione dovrà essere sicuramente sobrio e contenuto, ma non si escludono restrizioni meno severe.

Mi immagino un Natale sobrio e tra mille precauzioni. Ma io non criminalizzo l’estate che ha consentito un recupero del 10% sul Pil. Ed il Natale è fatto di incontri tra le persone, le famiglie e di consumi” ha spiegato Giovanni Toti, che spera di poter offrire ai liguri delle feste in compagnia, anche se contenute. Il governatore della Regione ha parlato anche di Vincenzo De Luca. “Ce la aveva più con le dichiarazioni di alcuni membri del Governo, non con i colori della Regione. E credo che questo sia sostanzialmente giusto. Non è corretto tradurre in una sorta di pagella i colori delle regioni” ha spiegato Toti. “Noi governatori siamo certi che le scelte avvengano usando parametri molto vecchi rispetto all’evoluzione. E’ un cruscotto di comando con troppe spie e talvolta si rischia di far confusione tra cosa sia più o meno importante” ha concluso il governatore.