Il governo italiano ha firmato una "dichiarazione d'intenti" sul gas in Angola

·1 minuto per la lettura
no credit

AGI - Prosegue la "campagna del Gas" del Governo italiano con lo scopo di smarcare il nostro paese dalle forniture di gas russo e al contempo soddisfare al fabbisogno richiesto.

È stata appena firmata, a Luanda in Angola dal Ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio, e dal Ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, accompagnati dall'Amministratore Delegato di ENI, Claudio Descalzi, una "Dichiarazione d'intenti" per sviluppare nuove attività nel settore del gas naturale, dirette anche ad aumentare l'export verso l'Italia, e per porre in essere progetti congiunti a favore della decarbonizzazione e transizione energetica dell'Angola.

"Si tratta di un importante accordo che dà impulso alla partnership fra Italia e Angola nei settori delle rinnovabili, dei biocarburanti, del GNL e della formazione in ambito tecnologico ed ambientale". Così il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani, in missione in Angola dove il governo italiano ha firmato la Dichiarazione d'Intenti definisce l'intesa siglata oggi.

Un'intesa, ha aggiunto Cingolani, che rappresenta "non solo un passo avanti nella diversificazione delle sorgenti di gas, ma anche un'importante contributo al sostegno della transizione ecologica globale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli