"Il Governo non cada dopo il voto". Colloquio con il segretario Cgil Maurizio Landini

Angela Mauro

Qualunque sia l’esito del voto in Emilia Romagna, Maurizio Landini si augura che “non abbia ricadute sul Governo”. Lo incontriamo al Parlamento europeo di Bruxelles, dove il segretario della Cgil partecipa all’iniziativa “Inca e Itaca - L’Europa sociale e del lavoro per chi emigra”, organizzata dall’eurodeputato del Pd Pierfrancesco Majorino, con la partecipazione di persone che lavorano e vivono in Europa legate al sindacato. Nella capitale belga, Landini cerca anche di ‘annusare’ l’aria per ciò che interessa di più al sindacato tra le priorità annunciate dalla nuova Commissione europea guidata da Ursula von der Leyen: la direttiva europea sul salario minimo. “Serva però a rafforzare la contrattazione collettiva – ci dice in questo colloquio – Se si limitasse a cristallizzare i tanti contratti diversi che esistono, non servirebbe a nulla, anzi sarebbe controproducente...”.

A meno di tre giorni dal voto regionale che potrebbe sconvolgere il Governo M5S-Pd nel caso in cui la regione ‘rossa’ per eccellenza passi a Matteo Salvini e al centrodestra, Landini fa leva sul pragmatismo che nel suo caso vale doppio: sindacalista ed emiliano di nascita.

“Abbiamo dei tavoli sulle riforme che servono al paese da portare avanti con il governo: quella delle pensioni, quella fiscale, la rimodulazione dell’Iva, un piano straordinario di investimenti, una lotta vera all’evasione fiscale - elenca il leader della Cgil - Per questo serve stabilità. Io preferisco continuare a lavorare col governo per portare più soldi nelle tasche dei lavoratori. Già abbiamo ottenuto la riduzione delle tasse sul lavoro dipendente. Noi del sindacato siamo pragmatici: dobbiamo continuare, nei prossimi giorni sono già convocate delle riunioni. Le elezioni regionali riguardano quella Regione e non hanno altre dimensioni. È importante che nel nostro paese si esca dalla logica del giorno dopo, non possiamo stare in perenne campagna elettorale, serve una...

Continua a leggere su HuffPost