Il j'accuse di Conte a Salvini: non hai aiutato credibilità Paese

Rea

Roma, 20 ago. (askanews) - "Se tu avessi accettato di riferire qui in Senato sulla vicenda russa, vicenda che oggettivamente merita di essere chiarita anche per i riflessi sul piano internazionale, avresti evitato al tuo presidente del Consiglio di presentarsi al suo posto rifiutandoti per giunta di condividere con lui le informazioni di cui sei in possesso". È solo uno dei capi di accusa che Giuseppe Conte rivolge a Matteo Salvini, che seduto al suo fianco in aula al Senato scuote più volta la testa, mentre i senatori leghisti protestano.

Ancora: "In coincidenza dei più importanti Consigli Europei cui ho preso parte non sei riuscito a contenere la foga comunicativa creando un controcanto politico che ha generato confusione, non ha giovato al tuo prestigio e all'autorevolezza del Paese".

(segue)