Il leader della Lega dice di essere d’accordo con il governo, se si dovessero varare ulteriori restrizioni

·2 minuto per la lettura
Matteo Salvini
Matteo Salvini

Matteo Salvini ha dichiarato di essere favorevole a misure restrittive anti Covid per Natale. “Questo però solo se verranno varati aiuti alle categorie in difficoltà”, ha spiegato. “Mentre le forze di governo stanno litigando su rimpasti e poltrone, noi come Lega e l’intero centrodestra ci stiamo occupando di salute e lavoro”, continua. “Dobbiamo evitare che l’arrivo dei vaccini trovi l’Italia ultima in Europa perché mancano aghi, siringhe e gli strumenti necessari a vaccinare chi vorrà farlo”.

Covid Natale, Salvini: “Ok a misure”

“Sulla scuola – continua il leader leghista – è impensabile mandare i nostri figli in classe dal 7 gennaio senza aver incrementato il trasporto pubblico e ridotto il numero dei bimbi nelle classi”. Se bisogna chiudere, sostiene, dobbiamo però fare “come in Germania, con rimborsi automatici per tutte le attività danneggiate. Li danno fino a 10mila euro a lavoratori autonomi e microimprese”.

“Il giorno di Natale tutta Europa – prosegue Salvini – permette alle famiglie di ritrovarsi in maniera prudente e numericamente controllata, intorno al tavolo, senza chiudere in casa, dividere, separare, allontanare. Dunque tutela della salute ma anche buonsenso e vita, è quello che noi vorremmo per il Natale”.

Gli errori del Governo

Il leghista poi conclude attaccando il Governo per “i troppi errori compiuti in questa fase”. E infatti: “Se il 3 dicembre il presidente del consiglio va in televisione e lancia la lotteria degli scontrini e dice ‘chi va a far spese in negozio e paga con la carta di credito fino al 31 dicembre avrà un regalo di 150 euro’, poi si stupisce se la gente va in negozio a fare i regali evidentemente, c’è qualcosa che non funziona a palazzo Chigi”.

In merito alla possibile crisi di Governo paventata dopo le parole di Renzi, Salvini dice: “Di Renzi non si fida più nessuno, neanche Babbo Natale si fida di Renzi, non prendiamoci in giro. I miei contatti con Renzi sono pari allo sbarco degli alieni avvenuto stanotte in piazza Navona”.