Il leader della Lega pubblica il video della contestata e giovanissima tiktoker Sabee Al Saidi

·1 minuto per la lettura
Un frame del video preso di mira da Salvini
Un frame del video preso di mira da Salvini

La 18enne influencer e migrante tunisina Sabee Al Saidi canta e balla sul barcone in un video e Matteo Salvini lo posta sui social e commenta: “Siamo su Scherzi a parte”. Il leader della Lega ha additato ai suoi follower l’atteggiamento della contestata tiktoker pro clandestini Sabee Al Saidi, che nel suo paese è ritenuta essere da alcuni persona che inciterebbe all’immigrazione clandestina, da altri solo una ragazzina che fa mainstream su un tema caldo, da altri ancora un totem di libertà.

Migrante canta e balla sul barcone: in Tunisia Sabee Al Saidi è una star social

L’opinione di Salvini è stata chiarissima e rimanda a quella di quanti in Tunisia la Al Saidi, che si è ripresa in un filmato mentre canta e balla su un barcone diretto in Italia, la criticano aspramente.

Viene dal polo industriale di Sfax la migrante tunisina che canta e balla sul barcone

La giovane influencer è originaria dello snodo industriale di Sfax e viene accusata, secondo alcuni media, di “incitare all’immigrazione clandestina pubblicando video come questo, condiviso con i suoi 280mila followers”. In sua difesa Sabee ha sempre spiegato sui social che lei non è la prima a pubblicare video delle traversate, magari è la prima a pubblicarne di “light e smart” ecco.

Recidiva a Lampedusa e in fuga “per motivi sociali”: ecco chi è la migrante che canta e balla sul barcone

I media spiegano che un video numero due è stato condiviso nelle sue Instagram Stories direttamente da Lampedusa, dopo essere arrivata in Italia. Sabee aveva spiegato che era stata “una esperienza terribile, sono state molto vicina alla morte”, poi che era stata costretta a fuggire dalla Tunisia per “motivi sociali”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli