Il leader della Lega risponde all'allarme dei medici

·1 minuto per la lettura
Matteo Salvini
Matteo Salvini

La situazione in Italia è sempre più allarmante. I casi di Coronavirus sono sempre di più e gli ospedali non riescono più a reggere. Ieri, 9 novembre 2020, qualche Regione è diventata zona arancione, con misure inevitabilmente più restrittive. Secondo i medici, però, i provvedimenti non bastano e pensano sia necessario un lockdown nazionale. A questo appello ha risposto Matteo Salvini.

Salvini contro il lockdown

I medici hanno lanciato un forte allarme in questi giorni e chiedono al Governo di attivare immediatamente un lockdown nazionale, per riuscire a contenere la diffusione del Covid. Gli ospedali di moltissime Regioni sono arrivati al collasso, mancano i posti, le ambulanze rimangono in coda e in alcuni luoghi i pazienti vengono curati in macchina. Una situazione davvero molto allarmante, che richiede un intervento immediato. Matteo Salvini, in risposta, ha dichiarato che il lockdown è un “sequestro di 60 milioni di italiani“.

Farei di tutto per non adottare un lockdown nazionale, utilizzando le cure a domicilio. Ci sono ormai decine e centinaia di medici che dicono che il problema è l’intasamento degli ospedali con persone che potrebbero essere curate a casa. Bisogna tutelare gli anziani, assistendoli a domicilio, non sequestrando 60 milioni di italiani. Questa è la morte sociale, civile e culturale di questo paese” ha spiegato Matteo Salvini, leader della Lega, ospite a Quarta Repubblica su Rete 4. Secondo Salvini non è necessario un lockdown nazionale, che porterebbe gravi danni a livello economico e sociale, ma si possono trovare altre soluzioni per riuscire a contenere il problema.