Il leader di Azione attacca la ministra dell'Istruzione per la proposta dei supplenti non laureati

·2 minuto per la lettura
Calenda contro Azzolina
Calenda contro Azzolina

Continuano gli attacchi rivolti dal leader di Azione, Carlo Calenda, alla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina contro la quale già nelle scorse settimane l’ex renziano si era lasciato andare a pesanti critiche. Calenda su Twitter scrive: “Un paese che è diventato tra i più ignoranti in Europa ha giustamente un Ministro che è il più imbarazzante in Europa. Ma siccome è donna si deve dire sottovoce. Non credo che la parità si costruisca in questo modo”. L’attacco in questo caso fa riferimento alla proposta della titolare del dicastero dell’Istruzione che vorrebbe nelle scuole dei supplenti ancora non laureati, per far entrare prima i giovani nel mondo del lavoro. “Giusto. La qualità dell’insegnamento la rimandiamo a data da destinarsi. Avanti”, scrive Calenda in un altro tweet.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Calenda contro la Azzolina

Il tema della scuola sembra stare molto a cuore al leader di Azione che, come detto, ha più volte commentato alcune decisione prese dalla Azzolina. Qualche giorno fa, sempre su Twitter, Calenda aveva scritto: “Vi prego non lo considerate un commento sessista. Posso dire che da papà e cittadino sono lievemente preoccupato della situazione della scuola? Sottovoce eh. Gentilmente”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

In questo caso Calenda sposava la protesta di alcuni sindacati che chiedevano al ministero dell’Istruzione una maggiore chiarezza su quanto dovrà avvenire a settembre con la riapertura delle strutture scolastiche.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli