Il leader di Azione smentisce il contenuto di un articolo che dà lui e il leader di Iv in rotta

Carlo Calenda e Matteo Renzi
Carlo Calenda e Matteo Renzi

Il tweet senza appello di Carlo Calenda blocca sul nascere qualsiasi lettura per cui il Terzo Polo sia in fase di sfaldamento in ordine a presunte strategie di Matteo Renzi per trattare un ruolo della sua storica numero due Maria Elena Boschi: “Io e Renzi non abbiamo mai litigato”.

“Io e Renzi non abbiamo mai litigato”

Con un cinguettio che assomiglia molto di più al grido di un’aquila il leader di Azione, che ha una verve social spiccatissima ed una predilezione per i post ermetici e pratici, smentisce il contenuto di un articolo che dà lui e il leader di Iv in rotta. Ma a quale articolo alludeva Calenda? Si tratta di un’apertura de La Stampa a firma di Carlo Bertini in cui si sostiene che il Terzo Polo si sarebbe “sub diviso” in due poli non più tanto in comparaggio. Ha scritto Calenda su Twitter: “Vediamo se riesco a fare una cosa definitiva: da quando abbiamo iniziato (certo non molto tempo) questo percorso politico io e Matteo Renzi non abbiamo mai litigato. Ci sentiamo la mattina e gestiamo le questioni parlandoci. Il contenuto di questo articolo è falso“.

Nessun “Polo già già ai ferri corti”

E il titolo dell’articolo contestato? “Calenda-Renzi, il Polo è già ai ferri corti. Il patto per Boschi alla Vigilanza Rai”. Il sommario era allusivo e spiegava il presunto (e smentito) motivo del contendere fra i due leader che hanno partecipato uniti alle elezioni politiche del 25 settembre: “Il sospetto di Azione: ‘Matteo ha fatto un accordo con Meloni per Maria Elena’. I dem: “Non arriveranno a mangiare il panettone’”.