Il leader di Forza Italia entra sull’argomento anche allo scopo di solidarizzare con i commercianti

·1 minuto per la lettura
Silvio Berlusconi e la "card in cui mostra il "certificato sanitario"
Silvio Berlusconi e la "card in cui mostra il "certificato sanitario"

Botta di autarchia linguistica di Silvio Berlusconi che sui suoi account social interviene sul tema del Green Pass e lancia una proposta: “Chiamiamolo con il nome italiano, certificato sanitario”. Il leader di Forza Italia entra nel mood pubblicistico di uno dei temi più sentiti del momento e non solo ribadisce la assoluta utilità del Green Pass, ma ne “italianizza” il nome.

Green Pass, dove va a parare la proposta di Silvio Berlusconi sul nome italiano

Lo fa per sottolineare ancora di più la sua vicinanza alle categorie che in questi giorni dai No Green Pass stanno subendo i danni più marcati: quelle commerciali delle grandi città prese di mira dai cortei e dalle manifestazioni contro la certificazione verde.

Green Pass, la proposta di Silvio Berlusconi su quello “strumento per ripartire”

Ha spiegato Belusconi a corredo della sua proposta di cambiare nome al Green Pass: “È uno strumento per ripartire ed è intollerabile che tutti i sabati la vita di alcune città sia resa impossibile da gruppi di scalmanati che non rispettano le regole”. E ancora, in chiosa: “È intollerabile che il lavoro dei commercianti debba essere danneggiato in questo modo”.

Certificato sanitario anziché Green Pass, la proposta di Berlusconi nei giorni delle nuove regole anti cortei molesti

Proprio in questi giorni e in attesa del prossimo week end (pardon, fine settimana) sono in arrivo le nuove norme decise dalla titolare del Viminale Luciana Lamorgese per evitare che i cortei più “anarchici” pregiudichino il diritto dei commercianti dei centri storici cittadini a fare il loro lavoro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli