Il leader di Italia Viva punta a fare un “bottino” di un milione di voti da portare in dote al partito

Matteo Renzi
Matteo Renzi

Matteo Renzi si candida in cinque città: “Mi gioco l’osso del collo”. Il leader di Italia Viva punta a fare in team un “bottino” di un milione di voti da portare in dote al partito con lui e lo stesso che correranno da soli alle elezioni del 25 settembre. E l’ex premier ci metterà la faccia, visto che prepara una candidatura in cinque città. Il milione di voti è il limite di sopravvivenza di Italia Viva per superare la soglia del 3% del Rosatellum. Lo scopo pratico di Renzi è quello di portare in Parlamento non meno di 8-10 deputati e 3-5 senatori.

Renzi si candida in cinque città

Ma dove sarà direttamente il lizza Matteo Renzi? Il senatore si candiderà nella sua Firenze ma anche a Roma, Milano, Napoli e Torino. Per lui niente “diritto di tribuna” che invece aveva accettato Luigi Di Maio in barba alle smentite del Pd. Il dato è evidente: l’accordo tra Calenda e Letta potrebbe favorirlo con i voti in uscita dal centrodestra. La situazione è comunque delicata, al punto che a Repubblica renzi ha detto che stavolta “mi gioco l’osso del collo”.

Sfide nel proporzionale e con l’uninominale

Insomma, l’ex premier nelle città prepara la candidatura come primo nome nel listino proporzionale ma senza dimenticare l’uninominale. Lì Renzi vuole sfidare Di Maio o altri nomi-totem. Il campo di battaglia sarebbe proprio la Toscana, cioè la regione in cui il Pd ha collegi “blindati”. Lì Renzi punta a superare il 10%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli