Il leader di Mosca vede nella caduta del premier italiano il segno di un Occidente che barcolla

Vladimir Putin
Vladimir Putin

Adesso è un fatto: Vladimir Putin scommette sulla crisi dell’Italia e secondo l’ottima analisi di Ezio Mauro su Repubblica lo fa perché il  leader di Mosca vede nella caduta del premier italiano Mario Draghi il segno di un certo Occidente che barcolla. Perché barcolla? Perché stanno cadendo a mazzi i leader che meglio avevano incarnato un certo “sentimento” per cui l’Atlantismo è giusto anche quando è spinto e per il quale la guerra in Ucraina non ammetteva neutralità.

Putin scommette sulla crisi dell’Italia

Insomma, per Mauro Putin non lo dice ma è felice, tanto. Ha scritto Mauro: “La caduta di Draghi rappresenta per il Cremlino un segnale importante, anche se viene da un Paese piccolo come l’Italia. Draghi affonda con la sua scelta europea, occidentale e atlantica esplicita, fuori dall’eterna ragnatela delle ambiguità della nostra politica estera”. E ancora: “Nello stesso momento emerge il profilo politico confuso e incoerente, ma senza alcun dubbio significativo, di un aggregato di forze o esplicitamente filorusse, come la Lega di Salvini, o neutraliste e palesemente polemiche con la democrazia occidentale, come il M5S, o legate a Putin da vincoli autocratici sovrani, come Forza Italia nell’ultima deriva berlusconiana”.

L’Italia “sdoganata” dall’addio di Draghi

Che significa? Che la caduta di Draghi ha di fatto sdoganato un Bel Paese che alle lusinghe della Mosca pirata di Vladimir Putin non è mai stato del tutto immune. E che adesso l’Italia, la nuova Italia che a Putin piacerà tanto e che (si lascia intendere) dovrebbe piacere un po’ meno agli italiani, è ad un passo dal prendere sostanza. Nelle urne del 25 settembre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli