Il Lecce espugna Marassi, 2-0 con la Sampdoria

Ettore Griffoni / NurPhoto / NurPhoto via AFP

AGI - Seconda vittoria di fila e terzo risultato utile consecutivo per il Lecce, che strappa un successo pesantissimo in casa della Sampdoria.

A Marassi finisce 2-0 grazie al gol di Colombo e al primo sigillo in Serie A di Banda, che permettono ai giallorossi di salire a 15 punti in classifica, condannando invece i blucerchiati di Stankovic all'undicesimo ko da inizio campionato. I liguri restano cosi' al penultimo posto a quota 6.

⏱️ FT | GRANDE VITTORIA DEL LECCE! #SampLecce pic.twitter.com/fJSkre8p1w

— Lega Serie A (@SerieA) November 12, 2022

Tanto equilibrio e grande battaglia in mezzo al campo sin dalle battute iniziali, con la prima occasione degna di nota creata al 13' da Gabbiadini, che si destreggia in area e calcia di mancino trovando un grande riflesso di Falcone.

Al 26' i salentini ci provano dall'altra parte con Di Francesco, il cui tentativo debole dal limite viene battezzato fuori da Audero, mentre una decina di minuti più tardi è Strefezza a far correre un brivido lungo la schiena dei blucerchiati, calciando di un soffio al lato una punizione dai 25 metri.

Proprio all'ultimo secondo disponibile del primo tempo il Lecce la sblocca grazie a Colombo, che approfitta di uno svarione di Villar per presentarsi davanti ad Audero e trafiggerlo per l'1-0 ospite.

Ad inizio ripresa i giallorossi troverebbero anche il raddoppio con Di Francesco, annullato però per una posizione di fuorigioco, mentre la Samp cerca d'imbastire una reazione con i nuovi entrati senza trovare i risultati sperati.

Falcone non è praticamente mai chiamato in causa, così all'83' il Lecce ne approfitta per piazzare il colpo del definitivo ko con Banda, che sfrutta un bell'assist di tacco di Colombo per battere Audero grazie ad un bel tocco sotto a tu per tu.

Quello del classe 2001 è il primo gol in Serie A di un calciatore dello Zambia. Nel recupero i blucerchiati provano quantomeno con orgoglio a concedersi qualche speranza, andando ad un passo dal riaprila con Rincon, ma il venezuelano calcia alto da buona posizione.