Il legale di Amanda: "Molte similitudini con suo caso"

webinfo@adnkronos.com
di Sara Di Sciullo  "Vedo molte similitudini con il caso di Amanda". Così l'avvocato Carlo Dalla Vedova, legale di Amanda Knox, l'americana condannata insieme a Raffaele Sollecito e poi assolta definitivamente per l'omicidio di Meredith Kercher, commenta all'Adnkronos la vicenda dei due ragazzi americani fermati per l'omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega e il caso della foto che ritrae uno dei due americani, indagati per la morte del carabiniere ucciso a Roma, mentre viene interrogato in caserma davanti a un Pc con una benda agli occhi. "Ho letto sui giornali: 'Il ragazzo ha confessato, caso chiuso'. Ricordo che è lo stesso titolo che fu fatto per Amanda: 'La ragazza americana ha confessato, caso chiuso' - prosegue - Ma i casi chiusi sono sempre molto dubbiosi. Come è possibile che una foto e un'audio di una telefonata, coperti da segreto, siano resi pubblici? - aggiunge l'avvocato - Mi sembra la replica di quello che abbiamo vissuto noi".

di Sara Di Sciullo  

"Vedo molte similitudini con il caso di Amanda". Così l'avvocato Carlo Dalla Vedova, legale di Amanda Knox, l'americana condannata insieme a Raffaele Sollecito e poi assolta definitivamente per l'omicidio di Meredith Kercher, commenta all'Adnkronos la vicenda dei due ragazzi americani fermati per l'omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega e il caso della foto che ritrae uno dei due americani, indagati per la morte del carabiniere ucciso a Roma, mentre viene interrogato in caserma davanti a un Pc con una benda agli occhi. 

"Ho letto sui giornali: 'Il ragazzo ha confessato, caso chiuso'. Ricordo che è lo stesso titolo che fu fatto per Amanda: 'La ragazza americana ha confessato, caso chiuso' - prosegue - Ma i casi chiusi sono sempre molto dubbiosi. Come è possibile che una foto e un'audio di una telefonata, coperti da segreto, siano resi pubblici? - aggiunge l'avvocato - Mi sembra la replica di quello che abbiamo vissuto noi".