Il lungo week end della Festa della Liberazione vedrà maltempo ed accumuli soprattutto al Centro-Nord

·1 minuto per la lettura
Sta per tornare la neve
Sta per tornare la neve

Sarà una fine del mese di aprile da brividi in molte parti dell’Italia, dove sta per tornare la neve a “bassa quota” e con il lungo week end della Festa della Liberazione che vedrà maltempo ed accumuli soprattutto al Centro-Nord. Una fase instabile dunque, almeno fino a domenica 24 aprile e che prenderà piede già da oggi, venerdì 22 aprile. Si attende infatti la neve, a tratti abbondante e decisamente a bassa quota considerando il periodo.

Si, sta per tornare la neve

Tutta “colpa” di una vasta depressione in discesa dal Nord Atlantico che toccherà l’Italia ed innescherà una fase di maltempo sulle regioni centro-settentrionali. Le temperature caleranno e nel corso di sabato 23 Aprile sono previste abbondanti nevicate sui rilievi: si partirà con Piemonte e Valle d’Aosta, con fiocchi inizialmente a partire dai 1600 metri di quota, e a seguire a quote più basse fino a 1300 metri. Cervinia o Sestriere sono pronte a fare il pieno di neve con accumuli terminali che potrebbero essere anche superiori ai 15/20 cm.

Attesi fiocchi anche per la Liberazione

La neve è attesa anche tra Lombardia e Trentino Alto Adige oltre i 1200 metri di quota come non è quasi mai accaduto praticamente per tutto l’Inverno. Poi, durante la giornata di domenica 24, la neve raggiungerà anche l’arco alpino orientale. Per la giornata festiva di lunedì 25 Aprile potrebbero esserci nevicate residue sulle montagne di confine tra l’Alto Piemonte, la Valtellina e l’Alto Adige, ma a quote non inferiori a 1600 metri.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli