Il M5s spinge sul taglio dei parlamentari. Cautela dal Pd, che frena anche sulla legge elettorale

Luigi Di Maio lancia un aut aut agli alleati di governo sul taglio degli eletti: "La fiducia si dimostra. E in questo caso alla prova dei voti in Parlamento. E la prima prova di questo governo è il taglio dei parlamentari". Il leader pentastellato fissa anche la dead line: entro le prime due settimane di ottobre. Proprio mercoledì la Conferenza dei capigruppo di Montecitorio stabilirà il calendario dei lavori dell'Aula e, quindi, la data dell'ultimo via libera alla riforma targata M5s.

Ma il Pd mostra cautela e richiama quanto scritto nel programma. Ovvero, il taglio dei parlamentari deve essere controbilanciato da altre riforme, in un cammino parallelo. Dunque, nessuna fretta e, soprattutto nessun diktat. È lo stesso Di Maio, successivamente, a gettare acqua sul fuoco: "Nessun ultimatum" e, comunque, "non credo ci saranno frizioni nel governo, ma è una grande prova per rafforzare la fiducia su cui si basa qualsiasi governo".

Fatto sta che il tema riforme, legato alla legge elettorale, rischia di creare tensioni interne ai giallorosso ma, soprattutto, all'interno del Pd, dove non c'è ancora una linea unitaria sul modello di sistema di voto. Anche se i 5 stelle, con il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D'Incà, due giorni fa, hanno aperto a un confronto sul proporzionale ("Credo che probabilmente renderebbe la vita più semplice a questo Paese"), tra i dem crescono le perplessità sull'abbandono tout court del maggioritario. Inoltre, accelerare ora sulla legge elettorale potrebbe rappresentare un rischio destabilizzante per il governo. Meglio prendere tempo (idea condivisa dai 5 stelle, "ne discuteremo con tutte le altre forze politiche, ci sarà tempo", diceva appunto D'Incà).

Il dibattito sul proporzionale

Anche il centrodestra si misura con le riforme e oggi Matteo Salvini, dopo la presa di posizione di Silvio Berlusconi ("Noi come orientamento non siamo favorevoli a trasformare la legge elettorale tutta in maggioritario perché il partito principale di ciascuna coalizione avrebbe in mano le sorti di tutta la coalizione. Credo che una quota di proporzionale sia indispensabile"), non del tutto convinto a sostenere il referendum della Lega sull'abolizione della quota proporzionale, appare più cauto sull'iniziativa: "L'importante è che ci sia una legge elettorale che prevede che chi prende un voto in più vince e governa per evitare gli inciuci, le vergogne, le schifezze, i mercati delle poltrone. Che se ne occupi il Parlamento bene, che se ne occupino i cittadini ancora meglio".

Tagliente Giancarlo Giorgetti: "Il proporzionale è una vera provocazione". Che poi lancia l'amo al Cav: "Con un sistema elettorale maggioritario il centrodestra sarebbe naturalmente unito". Il timore leghista è che Berlusconi si sieda al tavolo con M5s e Pd per una riforma proporzionale. La questione, oltre alle regionali, sarà al centro del vertice a tre, presente anche Giorgia Meloni, che si terrà martedì.

Nel Partito Democratico non c'è nulla di deciso, la discussione sulla legge elettorale non è ancora partita. E le parole di Graziano Delrio ("Non c'è nel programma di governo il ritorno al proporzionale. C'è solo scritto che servono garanzie costituzionali per la rappresentanza"), uno che ha partecipato ai tavoli sul programma assieme a Patuanelli e D'Uva, confermano che il punto non è stato affrontato né in quella sede nè in altre: per ora solo 'abboccamenti' per sondare il terreno.

La scissione dei renziani, inoltre, ha fatto tornare indietro le lancette anche per quello che riguarda possibili testi da depositare: Gennaro Migliore, finora capogruppo Pd in commissione Affari Costituzionali, ha lasciato il partito e così ha fatto Boschi, componente della Bilancio e 'madrè della riforma costituzionale del governo Renzi. A conferma che tra lo stato maggiore dem non c'è fretta di aprire il dossier c'è il fatto che all'ordine del giorno della direzione convocata lunedì non si fa cenno alla legge elettorale.

Ciò non significa che nei colloqui informali non se ne discuta: c'è la consapevolezza che una parte dei parlamentari dem non vedrebbe con sfavore una discussione su un proporzionale puro con soglia di sbarramento bassa (non oltre il 4%). E tra gli esponenti della maggioranza queste sensibilità appaiono come una 'accortezza' nei confronti dell'ex Matteo Renzi e del movimento che ha appena varato.

Per questo, c'è chi ipotizza che un punto eventuale di caduta potrebbe essere un sistema spagnolo con collegi piccoli. Ma si tratta di ipotesi lontane, come ne girano tante sebbene solo a parole in questi giorni. L'impegno, spiegano fonti parlamentari Pd vicine a Dario Franceschini, "non è solo per la legge elettorale, ma per tenere insieme la legge elettorale, il taglio dei parlamentari, i regolamenti di Camera e Senato e le riforme costituzionali".

Sì perché il taglio dei parlamentari, è il ragionamento che viene fatto, avrà un effetto pesante anche sull'elezione del Consiglio superiore della magistratura, sull'elezione del Capo dello Stato, sul funzionamento di Camera e Senato. C'è poi, viene sottolineato ancora, il tema delle minoranze linguistiche che, con il taglio dei parlamentari, verrebbero sotto rappresentate in Parlamento, aprendo altre questioni di costituzionalità.

Un tema su cui anche la delegazione M5s ai tavoli per il programma aveva mostrato attenzione. Ma ciò su cui tutti nel Pd sembrano concordare è che aprire ora la discussione su una legge elettorale nettamente proporzionale porterebbe instabilità al governo e rappresenterebbe uno snaturamento del partito, così come rilevato anche dai padri fondatori, Romano Prodi, Walter Veltroni ed Enrico Letta.