Il M5s vuole cambiare il sistema di voto per italiani estero -4-

Pol

Roma, 16 ago. (askanews) - Tra le altre innovazioni che proposte, "sempre al fine di semplificare le operazioni di scrutinio presso l'ufficio centrale per la circoscrizione Estero, in luogo di un unico seggio elettorale si ritiene utile creare quattro sedi presso la circoscrizione Estero, una per ogni ripartizione, in ciascuna delle quali è costituito un seggio elettorale da un minimo di 3.000 a un massimo di 5.000 elettori. Sarà cura del Ministero dell'interno l'individuazione in Roma delle strutture idonee a ospitare tali quattro sedi. A ciò si aggiunga che, al fine di garantire la più alta partecipazione possibile, dovrà essere svolta un'importante campagna di informazione - a cura degli uffici consolari - sulle nuove modalità di esercizio del voto; per tale ragione, abbiamo deciso di posticipare l'entrata in vigore delle disposizioni che disciplinano il nuovo sistema di opzione a un anno dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale". (Segue)