Il maiale di Roma è dei Casamonica. Polemica su battuta Gene Gnocchi: "È Claretta Petacci”

(Facebook)

Il maiale che si aggira tra i rifiuti per le strade di Roma ha un proprietario. “Ci tengo a chiarire che questo animale è di proprietà di un membro della famiglia Casamonica, che ha ammesso alla Polizia locale di averne perso il controllo”, commenta il sindaco, Virginia Raggi. Lo stesso maialino era stato postato su Facebook da Giorgia Meloni, che ha denunciato lo stato in cui versano le strade della Capitale. E’ finito anche al centro di una polemica social per la battuta di Gene Gnocchi: “E’ un maiale femmina. Si chiama Claretta Petacci”.

La querelle tutta in salsa social non sembra placarsi. Giorgia Meloni è tornata sul caso: “Sono contenta di sapere che i Casamonica abbiano avvertito la Raggi che il maiale era loro – scrive sarcastica su Facebook – Io non avendo contatti con loro non conosco la fauna di cui sono proprietari. Sono invece molto preoccupata – sottolinea la leader Fdidalla reazione scomposta dei dirigenti grillini, contenti di poter rivendicare che il maiale dei Casamonica sguazzi liberamente in città”.

(Facebook)

“Allora, cari amici grillini – aggiunge – provo a spiegarvelo di nuovo: non ho postato la foto di Peppa Pig. Io ho documentato una delle tante diapositive dello stato di totale abbandono in cui versa la capitale con questa amministrazione. Ho reso pubblica l’immagine di un maiale che in centro città, in pieno giorno, rovista nella spazzatura sparsa a terra e ormai disseminata in ogni angolo della città. Se voi pensate che sia tutto normale, allora la situazione è ancora più preoccupante del previsto”.

Il maialino romano, tra l’altro, è stato anche oggetto di una battuta di Gene Gnocchi che ha sollevato un autentico polverone: “E’ un maiale femmina. Si chiama Claretta Petacci”, ha detto il comico a “diMartedì”, su La7, facendo riferimento all’amante di Benito Mussolini uccisa dai partigiani. Ai telespettatori la battuta non è piaciuta. “Questa te la potevi proprio evitare”, “Sei oltre la frutta con questa battuta meschina e misera”, “Gene Gnocchi ha fatto una battuta infelice! Deve scusarsi subito“, si legge tra i vari tweet. C’è chi definisce il comico “un miserabile che vilipendia i morti per far ridere i suoi compari”, chi lo invita al “rispetto dei morti, in particolar modo delle vittime di efferati delitti”.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità