Il maltempo si abbatte sul nord Italia. Allagamenti a Milano e Genova

HuffPost

Un’ondata di maltempo sta colpendo in queste ore l’Italia settentrionale. In particolare, la Lombardia e la Liguria sono le regione più colpite dalle piogge che hanno fatto scattare le allerte meteo e stanno creando forti disagi ai cittadini. Ci sarebbe anche un vittima causata dal maltempo, si tratta di un uomo scomparso ieri pomeriggio a Fontanigorda, nell’entroterra di Genova. Il corpo dell’uomo è stato rinvenuto in un bosco dietro la locanda al Valico, nella zona chiamata Lago du Bettin, vicino al passo del Fregarolo. L’uomo sarebbe caduto, forse a causa delle forti piogge che hanno colpito la zona ligure. 

Un nubifragio, in corso dalla scorsa notte, ha allagato gran parte della città di Milano. Il fiume Seveso è vicino all’esondazione - è alla cosiddetta “soglia di attesa 2” - con diverse zone a rischio, in particolare la 2 e la 9: i quartieri Isola, viale Zara e piazzale Istria. Moltissimi gli interventi dei vigili del fuoco e della polizia locale per sottopassi e scantinati allagati, mentre in tante strade e piazze si sono accumulati diversi centimetri di acqua. Alcune persone sono rimaste
bloccate in ascensori ma sono state liberate. Problemi di allagamenti si sono verificati anche in alcuni plessi scolastici.

La situazione sta temporaneamente migliorando ma i fiumi continuano a essere monitorati con attenzione.

VIDEO - Il Lambro a rischio esondazione a Milano

Intanto sono cinque le scuole dell’infanzia che a causa della pioggia e delle successive infiltrazioni oggi sono rimaste chiuse a Milano. Il Comune in una nota riferisce che si tratta degli istituti Adriano e Fortis (municipio 2) Cesari (municipio 9), Meleri (municipio 4) e Parenzo (municipio 6). Chiuse due sezioni su cinque anche nella Scuola dell’infanzia Anemoni. “Stiamo indagando le cause delle singole situazioni, tenendo conto che in caso di piogge intense come quelle di questa notte, con volumi d’acqua importanti in tempi ristretti, può succedere che le gronde e i...

Continua a leggere su HuffPost