Il marito era ex soldato e petroliere arrestato per omicidio e al centro di un appello a Strasburgo

·2 minuto per la lettura
Irina Izmestieva
Irina Izmestieva

Ennesimo giallo in Russia, dove è stata trovata morta Irina Izmestieva, moglie di Igor Izmestiev, senatore prima amico, poi transfuga all’estero perché diventato nemico di Putin: l’uomo è un ex soldato e petroliere arrestato per omicidio e al centro di un appello a Strasburgo per mitigarne la detenzione nell’inferno carcerario di White Swan, dove in Russia finiscono i serial killer più sanguinari.

Trovata morta Irina Izmestieva, pare di covid, ma gli amici non ci credono affatto

Insomma, secondo alcuni media britannici ed un gruppo di attivisti ce n’è abbastanza per sospettare che Irina, prima paladina del marito, non sia morta di coronavirus ma “di FSB”, il terribile servizio segreto russo che aveva già arrestato Igor. Servizio che avrebbe sollevato in modo spiccio Mosca, cioè Putin, dall’imbarazzo di dover comparire in un fascicolo della Corte europea per i diritti dell’uomo di Strasburgo come incarceratore di oppositori. Il corpo di Irina era stato scoperto il 18 novembre dalla polizia.

L’allarme di un’amica e l’arrivo della polizia: Irina Izmestieva trovata morta nella super villa

Un’amica della donna aveva lanciato l’allarme e entrando da una finestra della casa da 17 milioni di euro in cui Irina viveva con le figlie di 21 anni gli agenti avevano scoperto il cadavere. Evgeny Chichvarkin, attivista amico di Irina, ha scritto su Facebook: “Spero vivamente che i servizi speciali indagheranno sull’accaduto in maniera seria e appropriata e chissà forse, un giorno, scopriremo cosa è accaduto veramente”. Igor Izmestiev, ex soldato della Bashkiria passato in ruolo spetsnaz e poi nei servizi aveva fatto i sodi con il petrolio negli Novanta, poi si era lanciato in politica e da senatore era diventato uno dei pupilli di Putin.

La fuga e l’arresto del marito, poi Irina Izmestieva è stata trovata morta

Poi qualcosa si era rotto, anche in virtù della “svolta Gazprom” del capo del Cremlino. Perciò Izmestiev era scappato in Germania e a Londra con tutti i soldi e, dicono i bene informati, con qualche segreto sul periodo in cui Putin era un chiacchierato ufficiale del KGB a Desda. L’uomo venne arrestato durante un viaggio di affari-esca in Kyrgyzstan con l’accusa di omicidio della moglie di un partner in affari. Fu sbattuto in uno dei peggiori budelli carcerari del pianeta con condanne per omicidio, evasione fiscale, tentata corruzione e tentato omicidio. A quel punto da Londra Irina si era rifatta una vita ma si era anche attivata per l’ex marito. Frequentava il mondo del cinema e come produttrice aveva presentato Cannes, Venezia e Roma.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli