Roma, è morto a 90 anni Luciano De Crescenzo

Luciano De Crescenzo (foto Leonardo Cendamo/Getty Images)

Lo scrittore, regista, attore e conduttore televisivo., Luciano De Crescenzo era nato a Napoli il 18 agosto 1928. Da alcuni giorni era ricoverato in ospedale per una polmonite.

LEGGI ANCHE: Gli aforismi più belli di Luciano De Crescenzo

Addio a Camilleri, le 10 frasi celebri

Laureatosi in ingegneria idraulica con il massimo dei voti presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II" capì nel 1976 la sua vera vocazione, quella di "scrittore divulgatore".

Si trasferì a Milano, assunto all'IBM, rimanendovi per un ventennio circa, in qualità di addetto alle pubbliche relazioni. Promosso dirigente, lasciò la sua attività per dedicarsi a tempo pieno alla scrittura, favorito anche dall'interessamento di Maurizio Costanzo, padrino della sua prima opera, "Così parlò Bellavista". Tra il 1976 e il 1977 il suo libro vendette più di 600.000 copie e fu tradotto anche in giapponese, diventando un vero e proprio caso letterario

Diventato un autore di successo pubblicò nel corso della sua carriera cinquanta libri, vendendo 18 milioni di copie nel mondo, di cui 7 milioni solo in Italia. Le sue opere sono state tradotte in 19 lingue e diffuse in 25 paesi.

A una lunghissima serie di romanzi si aggiunsero opere di saggistica divulgativa nelle quali De Crescenzo riuscì a introdurre anche il lettore più inesperto ai problemi sollevati dalla filosofia antica.

Non solo scrittore, ma anche autore televisivo e attore, De Crescenzo esordì sul grande schermo ne "Il pap'occhio" (1980), al fianco dell'amico Roberto Benigni e diretto da Renzo Arbore. Nel 1984 avvenne il suo esordio dietro la macchina da presa con "Così parlò Bellavista", tratto dal suo best seller. Il successo della pellicola lo convinse a dirigere l'anno successivo "Il mistero di Bellavista" e la commedia a episodi 32 dicembre nel 1988, sulla relatività del tempo.

Nel 1990 recitò accanto a Sophia Loren e Luca De Filippo in "Sabato, domenica e lunedì" di Lina Wertmüller mentre nel 1995 scrisse, diresse e interpretò insieme a Teo Teocoli ed Isabella Rossellini "Croce e delizia", considerato da alcuni critici come il suo film più riuscito.

IL CORDOGLIO DI DE MAGISTRIS

"Esprimo il cordoglio profondo mio personale e della città di Napoli per la fine terrena del grande Luciano De Crescenzo, uomo di immensa cultura che ha saputo interpretare al meglio l'anima del popolo napoletano. Persona di estrema intelligenza, enorme cultura e di una naturale simpatia tutta partenopea. Luciano mancherà molto a Napoli e alla sua gente, lo ricorderemo tutti con immenso affetto e gratitudine". E' il messaggio del sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: