Il McPlant prodotto con le proteine dei piselli non ha affatto entusiasmato clienti e mercato

Un McPlant
Un McPlant

La decisione di McDonald’s dopo un vero flop conclamato via il finto hamburger vegano, il McPlant prodotto con le proteine dei piselli: non ha affatto entusiasmato clienti e mercato. I media spiegano che McDonald’s ha deciso di toglierlo perché non lo chiede quasi nessuno. E dopo il consueto test in 600 punti vendita degli Usa è arrivata la decisione. Il dato è semplice: al di là del mood green del pianeta agli americani la carne non glie la togli.

McDonald’s: via l’hamburger vegano

Cosa disciplinava il test? Era basato su un accordo triennale stretto fra McDonald’s e Beyond Meat, società che, come spiega Libero, “ha fra i maggiori azionisti la scozzese Baillie Gifford & Co. (13,48%) e i fondi Vanguard (7,82%) e BlackRock (3,37%)”. Il McPlant era così comparso nei menu di diversi paesi: Danimarca, Svezia, Olanda, Austria, Gran Bretagna. L’amministratore delegato di Beyond Meat aveva detto che stava “vendendo bene” in Inghilterra e Austria.

Titolo a picco e clienti scettici

Tuttavia McDonalds ha obiettato che vedere bene non è il top per un prodotto annunciato come la “rivoluzione green” per il pianeta e che soprattutto è pochissimo per gli standard aziendali. La Borsa ha reagito malissimo all’arrivo del McPlant, con il titolo Beyond Meat che aveva perso il 53% passato poi a -74%, gli investitori hanno cominciato a sfilarsi e, a traino dei consumatori che quel burger “green” proprio non lo vogliono McDonalds ha chiuso la faccenda.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli