Il medico legale: "A uccidere Willy due colpi a cuore e collo"

Sono stati due i colpi che hanno ucciso Willy Monteiro Duarte la notte tra il 5 e il 6 settembre scorsi: "uno al cuore, l’altro al collo". A dirlo all’Adnkronos è il professor Saverio Potenza, uscendo dall’aula della corte di assise di Frosinone dove ha appena reso testimonianza nell’udienza del processo per l’omicidio del 21enne. E' stato lui a eseguire l’autopsia. "Willy ha ricevuto un trauma posteriore al collo, che ha originato il trauma alla carotide - spiega - uno toracico posteriore e almeno due a livello addominale". Solo ipotesi, secondo lo stesso medico legale, quelle avanzate dalla difesa degli imputati su una possibile patologia pregressa della vittima. "Willy era sano come un pesce - dice il professore - Sono solo ipotesi: l’esame macroscopico e l’esame autoptico lo hanno escluso".

(dall’inviata Silvia Mancinelli)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli