Il Mediterraneo centrale teatro di un marcato e netto peggioramento previsto per le prossime ore

·1 minuto per la lettura
Allerte arancione e gialla in atto
Allerte arancione e gialla in atto

Maltempo al Centro Nord con temporali e venti forti, tutto grazie ad una perturbazione di origine nord-atlantica che sta interessando il nostro Paese. Questa sacca andrà gradualmente approfondendosi sul bacino del Mar Mediterraneo centrale. E a partire dalle prossime ore determinerà una marcata impennata di instabilità su gran parte delle regioni settentrionali. Su quelle e su parte di quelle centrali. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo infatti potrebbero determinare delle evidenti criticità idrogeologiche e idrauliche. E purtroppo in Italia il rischio frane è sempre in agguato.

Ecco cosa succederà: pioggia e temporali

L’avviso della Protezione Civile prevede dalle prime ore della giornata di domani il persistere di precipitazioni da sparse a diffuse. Saranno precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale e interesseranno: Piemonte, specie settori meridionali, Liguria, Emilia-Romagna e Toscana. Sono poi attese altre precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Tutti questi fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Allerte arancione e gialla: dove e quando

In particolare sono previsti venti forti dai quadranti orientali su Emilia-Romagna e Lombardia, con mareggiate lungo le coste esposte. A ragion veduta quindi è stata valutata per la giornata di domani allerta arancione per rischio idrogeologico sulla Liguria di levante. Prevista inoltre allerta gialla sulle seguenti zone dell’Italia: parte di Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia-Romagna e Liguria. Inoltre sugli interi territori di Toscana, Umbria e Lazio.