Il metodo di studio Ocme, per preparare un esame in 7 giorni

Nicoletta Moncalero

Ci sono quattro lettere che ogni universitario dovrebbe tenere a mente per tutto il suo corso di laurea. Per finire velocemente e bene, basta iniziare con l'Ocme, il metodo di studio che si basa su quattro pilastri quali l'organizzazione, la comprensione, la memorizzazione e l'esposizione. Per studiare meglio (e meno) è meglio dimenticare tutto quello che si è imparato alle superiori. Leggere e ripetere non serve a nulla. Così come è inutile sottolineare tutto il libro con l'evidenziatore o fare le famose mappe concettuali. Gli schemi classici sono superati e soprattutto non adatti a libri lunghi e complessi da memorizzare per un esame. Ne sono convinti, e ne hanno le prove, Andrea Acconcia e Giuseppe Moriello. I due catanesi, oggi mental coach e memory coach con oltre 137mila seguaci su FB e migliaia di visualizzazioni sul loro canale YouTube, hanno brevettato il loro metodo di studio Ocme dopo averlo testato in prima persona e dopo essersi laureati in tempi record (con una media di 14 esami all'anno).

In Metodo Universitario. Come studiare meglio in meno tempo e superare gli esami senza ansia (Bur), Acconcia e Moriello, raccontano come sono diventati un punto di riferimento per gli universitari di tutta Italia, aiutandoli a dare anche quattro esami al mese. "Invece di vederti come un maratoneta che corre le lunghe distanze - dicono -, devi pensare a te stesso come un velocista: uno che prepara gli esami in velocità". L'obiettivo è di eliminare le distrazioni con una soluzione immediata. "Darti due mesi per un esame è la cosa più pericolosa che puoi fare - continuano -, perché ti concedi tutte le libertà del caso. Ma se ti dai sette giorni, non puoi evidenziare, non puoi rileggere il libro tre volte come un romanzo, non puoi spaccarti il polso con i riassunti. Preparare gli esami in sette giorni è un atto rivoluzionario nei confronti del sistema". Ed ecco come funziona: quattro giorni per organizzare il materiale, due giorni per memorizzare il tutto...

Continua a leggere su HuffPost