Il microbioma, la salute mentale, il diabete, il caldo: quattro studi sul virus

Silvia Renda
·Collaboratrice Social News
·2 minuto per la lettura
Corona virus (Photo: Radoslav  Zilinsky via Getty Images)
Corona virus (Photo: Radoslav Zilinsky via Getty Images)

La campagna vaccinale sarà ancora lunga prima di decretare la fine della pandemia da covid-19. Mentre continuano le ricerche per tentare di arginare i danni e il contagio, la Reuters ha riportato un riepilogo di alcuni degli ultimi studi scientifici compiuti sul coronavirus.

La gravità del covid può essere influenzata dal microbioma intestinale

Secondo uno studio condotto a Hong Kong e apparso sulla rivista Gut, il microbioma intestinale potrebbe influenzare la gravità del Covid-19 e la portata della risposta immunitaria all’infezione. "La composizione dei microrganismi intestinali (microbiota) nei pazienti con Covid-19, molto diversa rispetto agli individui non infetti, è correlata alla gravità della malattia. I pazienti Covid non presentano alcuni batteri buoni noti per regolare il sistema immunitario”, osserva Siew Ng, della Chinese University di Hong Kong, autrice principale dello studio, “l microbiota intestinale anomalo (disbiosi) nei pazienti con Covid persiste dopo l’eliminazione del virus”. I ricercatori guidati da Siew Ng hanno esaminato campioni di sangue e feci di 100 adulti con un’età media di 36 anni ricoverati con covid, confrontandoli con quelli di 78 adulti, con un’età media di 45 anni, senza l’infezione che che stavano partecipando a uno studio sul microbioma prima della pandemia. Dai risultati è emerso che la composizione del microbioma intestinale era alterata in maniera statisticamente significativa nei pazienti con Covid-19.

La pandemia ha un impatto sulla salute mentale dei lavoratori in terapia intensiva

Quasi la metà del personale che lavora nelle unità di terapia intensiva in Inghilterra soffre di ansia, depressione o disturbo da stress post-traumatico, secondo quanto riportato su Occupational Medicine. Lo studio è stato condotto a giugno e luglio, prima che la Gran Bretagna iniziasse a sperimentare l&...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.