Il miglior disco dell'anno è di Billie Eilish ma ai Grammy domina Beyoncé

·1 minuto per la lettura

AGI - Billie Eilish si aggiuca il Grammy per il miglior disco dell'anno. È il secondo di fila per la cantante 19enne che alla scorsa edizione trionfò in tutte e quattro le principali categorie del più importante riconoscimento musicale al mondo.

Il Grammy per il miglior brano è andato invece a a "I can't breathe" di H. E. R., cioè la giovane cantante americana Gabriella Sarmiento Wilson, 23 anni. Ad annunciare la vittoria alla 63 edizione degli oscar della musica è stato il presentatore e comico sudafricano Trevor Noah.

LEGGI ANCHE: Billie Eilish, il rapporto conflittuale con il corpo e le pillole dimagranti a 12 anni

Con 28 vittorie, Beyonce entra nella storia dei Grammys come l'artista donna che ha ottenuto più riconoscimenti al premio della musica e grande protagonista dei Grammy 2020.

Ha battuto tutti i record alla 63esima edizione per la "migliore performance R&B" com "Black Parade", per il "miglior video musicale" con "Brown Skin Girl", per la "migliore performance rap" e la "migliore canzone rap" con "Savage" insieme a Megan Theen Stallion.

Beyoncè e la figlia di nove anni Blue Ivy Carter hanno vinto il Grammy per il miglior video musicale con "Brown skin girl", facendo della figlia la più giovane vincitrice di sempre.

La cantante americana ha vinto anche un altro Grammy, come migliore performance rap per "Savage" con Megan Thee Stallion, che vale per lei il 26 titolo, a un Grammy dal record di Alison Krauss, che ne ha conquistati ventisette.

Megan Thee Stallion ha vinto il Grammy come migliore nuova artista. La rapper statunitense è uno dei volti emergenti della musica americana, entrata in cima alle classifiche nel 2020 con il suo brano rap "Savage", in remix con Beyoncè.

GUARDA ANCHE: Laura Pausini commenta la vittoria del Golden Globes: «Lo dedico alla mia terra, l'Italia»