Il Milan cancella il Trofeo Berlusconi: l'ex patron è amareggiato

I dirigenti del Milan giovedì mattina incontreranno l'UEFA per ottenere il Voluntary Agreement, in caso di no potrebbe pagare anche Berlusconi.

Come se non bastassero le parole contro il nuovo Milan, Silvio Berlusconi ha altri motivi per essere deludo dall'operato della nuova proprietà rossonera. 'Il Corriere della Sera' evidenzia una cosa che è passata sotto traccia quasi per tutti, tranne che per il Cavaliere. 

Quando Silvio Berlusconi ha consegnato il Milan nelle mani dei cinesi, aveva assicurato i nuovi proprietari: "Sono a vostra disposizione per qualsiasi cosa". Ed invece sembra che tutti si siano dimenticati dell'ex presidente, soprattutto ai piani alti.

Pur conoscendo le possibili conseguenze della sua cessione, Berlusconi non è riuscito a nascondere il proprio dolore quando in estate ha raccontato agli amici che il Milan aveva deciso di cancellare il Trofeo Berlusconi, che lui aveva dedicato al padre Luigi.

Immaginava venisse confermato, sperava di venir chiamato per la premiazione. Invece niente. Tra l'altro Berlusconi prova ancora più amarezza vedendo quanto succede sull'altra sponda nerazzurra: Moratti infatti viene sempre preso in considerazione da Suning, oltre che elogiato mediaticamente da tutti, anche da Spalletti.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità