Il Milan vince 2-1 al 92', Fiorentina beffata

Filippo MONTEFORTE / AFP

AGI - Un autogol di Milenkovic al 92' regala al Milan un successo pesantissimo contro la Fiorentina. A San Siro finisce 2-1 a tempo praticamente scaduto, dopo il botta e risposta tra Leao e Barak.

Tante le polemiche viola per un paio di presunti contrasti fallosi nell'azione del gol decisivo, non ritenuti però tali da arbitro e colleghi e al Var.

La squadra di Pioli sale così a 33 punti tornando a -8 dal Napoli capolista, mentre gli uomini di Italiano tornano a perdere dopo tre vittorie di fila restando fermi a quota 19.

A goal in the first two minutes and a goal in the last two minutes #MilanFiorentina #SempreMilan pic.twitter.com/6WVL8Qjwev

— AC Milan (@acmilan) November 13, 2022

Pronti via e i rossoneri rompono subito l'equilibrio con Leao, che riceve una splendida sponda di Giroud e s'invola a tu per tu con Terracciano battendolo per l'1-0. Il portoghese torna cosi' a sbloccarsi dopo quattro turni di astinenza tra campionato e Champions League.

I viola però non si abbattono e rispondono immediatamente con una deviazione sotto porta di Cabral respinta da Tatarusanu, salvato invece dal palo all'8' sulla bordata mancina di Biraghi.

Il pareggio ospite arriverà comunque al 28', quando Barak si destreggia in area e si libera per il mancino che beffa il portiere locale dopo una deviazione decisiva di Thiaw.

Nel finale di primo tempo il Milan prova di nuovo a mettere il naso avanti, ma un intervento di Venuti in anticipo su Theo, dopo una deviazione di Terracciano sul tiro di Diaz, nega il raddoppio ai rossoneri proprio sulla linea di porta.

Ad inizio ripresa ci prova Giroud con un tocco sotto porta su cross basso di Kalulu, ma il portiere viola è appostato bene e respinge prontamente.

Dall'altra parte invece il difensore rossonero rischia di combinare la frittata nel tentativo di chiudere sul neo entrato Jovic, costringendo Tatarusanu ad evitare quello che sarebbe stato un clamoroso autogol.

La sfida resta apertissima ed incerta, ma al 78' Leao avrebbe una nitida chance per riportare il diavolo in vantaggio, fallendo però da posizione invitante con il destro.

Nel finale Tomori compie un autentico miracolo salvando un gol fatto di Ikone, poi a tempo scaduto un incredibile autogol di Milenkovic su un traversone da destra letto male da Terracciano, regala al Milan 3 punti d'importanza capitale.