Il ministro dell’Interno fa avviare le indagini e partecipa ai funerali della vittima in divisa

·1 minuto per la lettura
Il feretro dell'agente morto portato anche dal ministro Soylu
Il feretro dell'agente morto portato anche dal ministro Soylu

Attentato terroristico in Turchia, dove è stata fatta esplodere una bomba su un bus di effettivi della polizia carceraria e dove quell’esplosione ha fatto un morto e diversi feriti. Una guardia carceraria, Cengiz Yi git, è morta in seguito all’esplosione di un ordigno artigianale. La bomba è deflagrata secondo i media sul bus che trasportava anche altri agenti nel distretto di Osmangazi a Bursa, nel nordovest della Turchia.

Turchia, bomba su un bus, un morto

La notizia è stata data dal prefetto cittadino, Yakub Canbolat, la cui nota ufficiale è stata a sua volta riportata dall’agenzia Anadolu. Sempre i media spiegano che almeno altre quattro guardie carcerarie sono rimaste ferite nell’attentato e che una di esse versa in condizioni molto serie in ospedale. Il ministro dell’Interno turco, Suleyman Soylu, ha confermato in un secondo momento che l’ordigno è stato azionato a distanza e ha fatto sapere che le forze dell’ordine sono al lavoro per catturare i responsabili: la pista parrebbe essere quella legata ad una rivalsa di ordine carcerario ma non ci sono conferme ufficiali se non qualche inaffidabile post social.

Il messaggio del ministro dell’Interno turco

Dal canto suo il ministro del governo presieduto da Recep Eerdogan ha postato immagini e parole sulla sua pagina Facebook, ecco cosa ha scritto: “Stiamo inviando alla giustizia divina il nostro agente di protezione delle esecuzioni Cengiz Yi git, martirizzato a seguito di un infido attacco terroristico a Bursa”. E poi in chiosa: “Che la tua posizione sia alta, mio martire. I figli che ora sono nascosti alla tua vista sono affidati a noi, la tua famiglia”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli