Il ministro della Salute amplia la rosa dei Paesi a rischio

coronavirus, stop ai voli da serbia kosovo e montenegro

Nuovo stop agli ingressi da Paesi considerati a rischio contagio. Ad annunciarlo, tramite social, è il ministro Roberto Speranza, che con una nuova ordinanza ha bloccato i voli da Serbia, Montenegro e Kosovo: “Chi è stato negli ultimi 14 giorni in questi territori ha il divieto di ingresso e transito in Italia. Nel mondo l’epidemia è nella fase più dura. Serve la massima prudenza per difendere i progressi che abbiamo fatto finora”.

Stop voli da Serbia, Kosovo e Montenegro

Dunque, si amplia la risma dei Paesi verso cui è impossibile volare (o arrivare) dall’Italia. La misura, secondo quanto annunciato dal Ministro della Salute Roberto Speranza, si rende necessaria per far fronte all’emergenza Coronavirus. Perché è importante non abbassare proprio adesso la guardia. Come confermato anche da Massimo Galli in una recente intervista o da Walter Ricciardi: proprio il consulente del Ministero della Salute ha lanciato l’allarme sui mancati controlli in Europa.

Il professore, braccio destro di Speranza nella gestione dell’emergenza Coronavirus, ha sottolineato l’importanza di controlli sugli arrivi dal Vecchio Continente: “Molti Paesi pensano che l’emergenza sia finita – ha dichiarato il 15 luglio – per questo è importante che l’Italia si difendi e non commetta gli errori del passato”.

Paesi vietati in Italia

Ma quali sono i Paesi verso cui è impossibile avere collegamenti con l’Italia? Il Bangladesh è uno di questi, dopo i tanti focolai scatenatisi la scorsa settimana a causa degli arrivi incontrollati di bengalesi nel Bel Paese.

Di seguito, ecco la lista completa: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana. Oltre, ovviamente, ai tre nuovi ingressi: Serbia, Kosovo e Montenegro verso cui dal 16 luglio è scattato lo stop ai voli da e per l’Italia.

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.