Il Ministro della Salute ha in programma ulteriori restrizioni

·2 minuto per la lettura
speranza
speranza

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato per sabato 24 ottobre alle ore 15.30 una riunione con i membri del Comitato tecnico scientifico. Il dialogo servirà a comprendere quali potrebbero essere le migliori misure restrittive da attuare nei prossimi giorni per contrastare l’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19. La curva dei contagi, infatti, sta nuovamente salendo. Un intervendo netto e imminente è indispensare per evitare che il sistema sanitario vada in tilt.

Le nuove misure

Al centro della riunione tra i vertici del Governo, rappresentati dal Ministro della Salute Roberto Speranza, e i membri del Comitato tecnico scientifico c’è il tema del nuovo dpcm. Il Premier Giuseppe Conte, infatti, nei prossimi giorni emanerà ulteriori provvedimenti per arginare la seconda ondata di Covid-19.

L’ipotesi che sta avanzando, nonostante alcune regioni come la Campania abbiano già optato per una chiusura sostanzialmente totale, è quella di un lockdown parziale e mirato. I settori motori dell’economia come il lavoro e la scuola andranno avanti. Saranno contrastate, invece, le attività superflue.

In tutta Italia, inoltre, potrebbe scattare il coprifuoco alle 21.00, con il divieto di spostamenti nelle città sia a piedi che con mezzi pubblici o privati. Un provvedimento che, tuttavia, ancora non convince del tutto il Governo, in quanto causerebbe gravi danni ad attività come bar e ristoranti.

Il Ministro della Salute Roberto Speranza, in queste ore, sta continuando a confrontarsi con gli esperti e con i governatori delle diverse regioni in modo da trovare le soluzioni migliori per contrastare il Covid-19. “Valutiamo la curva e ci teniamo pronti”, ha detto in merito alla possibilità di una chiusura totale per 14 giorni, che permetterebbe di resettare il sistema e svuotare gli ospedali.