Il Ministro Lamorgese risponde all'interrogazione parlamentare sull'attacco al sindacato CGIL

·1 minuto per la lettura
Lamorgese
Lamorgese

Il Ministro degli Interni Luciana Lamorgese ha risposto all’interrogazione parlamentare urgente di Giorgia Meloni riguardo l’assalto alla sede del sindacato CGIL.

Le domande di Giorgia Meloni al Ministro Luciana Lamorgese

Va all’attacco Giorgia Meloni, che vorrebbe chiarimenti riguardo il mancato intervento nei confronti di Castellino. La leader di “Fratelli d’Italia” ha chiesto: “Nella lunga lista delle sue inadempienze ci sono anche i fatti di Roma, lei era stata avvisata che c’erano persone pericolose per l’ordine pubblico? È stata avvertita che quelle persone avevano annunciato che avrebbero assaltato la sede della Cgil? In piazza c’erano agenti infiltrati? Perché non ha agito di conseguenza?

La risposta del Ministro Lamorgese a Giorgia Meloni

Il Ministro Lamorgese ha risposto esprimendo prima di tutto solidarietà agli agenti feriti e a tutto il sindacato CGIL, condannando ogni episodio di violenza. Ha poi risposto a Giorgia Meloni dicendo che erano a conoscenza del possibile attacco al sindacato da parte di Giuliano Castellino. Ha poi continuato indicando Castellino come una persona estremamente pericolosa visti i precedenti e le misure restrittive che sono applicate alla sua persona. Agire in maniera coericitiva secondo il Ministro avrebbe causato una catena di violenza incontrollabile che non potevano permettersi visto che era presente molta gente al corteo.

La replica di Giorgia Meloni: la responsabilità è del Ministro Lamorgese e del Governo

La Meloni ha replicato dunque attaccando duramente il Ministro Lamorgese e attribuendo all’attuale Governo tutte le responsabilità, definendoli non solo incompetenti ma anche iniziatori di strategie di tensione, che hanno caratterizzato gli anni più bui della storia italiana.

LEGGI ANCHE: Corteo no green pass a Roma, scontri con la polizia: tensione in centro città

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli