"Il mio decimo e ultimo film sarà un horror". Quentin Tarantino, tra Kill Bill 3 e Star Trek

HuffPost

Quentin Tarantino ha sempre detto di volersi ritirare dopo aver diretto 10 film, e ci sono buone probabilità che l’ultimo sia un horror. A riportare la decisione del regista di Pulp Fiction è il Daily Mail

Intervistato dall’Independent per promuovere il suo ultimo film, C’era una volta a Hollywood, il regista cinquantaseienne ha rivelato di trovare l’idea di dirigere un film horror molto allettante. “Se riuscissi ad inventarmi una storia eccezionale per un film horror, quello sarebbe il mio decimo film. Adoro i film dell’orrore e vorrei dirigerne uno” ha detto.

In passato Tarantino non ha mai nascosto la sua idea di ritirarsi e concentrarsi sulla scrittura di piece teatrali e di film. Recentemente, durante un’intervista con GQ, ha dichiarato che C’era una volta a Hollywood potrebbe essere il suo ultimo film. “Se C’era una volta a Hollywood dovesse fare molto bene, magari non farei il decimo film. Magari mi fermo ora che sono in testa, vedremo”. 

In realtà, il regista sarebbe già coinvolto in diversi progetti: alcune settimane fa aveva riacceso le speranze dei fan, raccontando di aver parlato con Uma Thurman riguardo ad un possibile Kill Bill 3. “Uma e io ne abbiamo parlato recentemente. Se mai ci sarà un seguito di qualche mio film, quello sarà sicuramente un terzo Kill Bill”, aveva dichiarato durante un’intervista con l’attore Josh Horowitz per il suo podcast, Happy Sad Confused

Il cinquantaseienne ha anche rivelato ad Empire Magazine di aver scritto la sceneggiatura per un nuovo Star Trek e che lo vorrebbe dirigere solo se fosse un film vietato ai minori. “Esiste già una sceneggiatura, ma devo ancora decidere. Se dovessi dirigerlo, diventerebbe di sicuro un film vietato ai minori”. 

Per ora Quentin è però impegnato a promuovere C’era una volta a Hollywood e a difendere le sue scelte: il regista si è dovuto difendere dalle accuse rivoltegli dalla figlia di Bruce Lee, che aveva criticato il film per aver...

Continua a leggere su HuffPost