1 / 10

Il miracolo delle gemelline premature

Evie-Mae e Lily-Beth Rabey da Par, un villaggio e porto di pesca con un porto sulla costa meridionale della Cornovaglia, in Inghilterra, sono nate premature a giugno 2018, a sole 28 settimane, a causa di una sindrome da trasfusione feto-fetale (TTTS) di livello 3. (Theo Moye/Caters News)

Il miracolo delle gemelline premature nate a sole 28 settimane

Evie-Mae e Lily-Beth Rabey da Par, un villaggio e porto di pesca con un porto sulla costa meridionale della Cornovaglia, in Inghilterra, sono nate premature a giugno 2018, a sole 28 settimane, a causa di una sindrome da trasfusione feto-fetale (TTTS) di livello 3.

Dopo aver sofferto tre dolorosi aborti spontanei, Josie stentava a credere al fatto di essere rimasta incinta naturalmente di due gemelle nel gennaio 2018. Il seguente giugno, con un parto cesareo di emergenza, sono nate le piccole gemelline Evie-Mae e Lily-Beth Rabey, in anticipo di 12 settimane. Alla nascita, le piccole pesavano rispettivamente 90 grammi e 50 grammi. Le gemelline miracolate erano così piccole da stare nel palmo di una mano della loro mamma e l’anello di fidanzamento dei genitori riusciva a circondare i loro piedini.

La mamma delle piccole, la parrucchiera Josie Kent, e il loro papà, Gareth Rabey, erano devastati quando le loro bambine sono nate premature in condizioni molto rischiose, con un peso totale di soltanto 1,36 kg.

“All’ecografia delle 27 settimane, i dottori hanno confermato la sindrome da trasfusione feto-fetale (TTTS) a livello 3, che accade solo nei gemelli identici quando condividono una placenta. C’entra con la quantità di fluido che viene condiviso tra i neonati”, ha raccontato Josie.

“Ero assolutamente scioccata da quanto piccole e fragili sembravano - penso che mi aspettassi che fossero grandi come qualsiasi altro neonato, ma erano così minuscole!”, ha proseguito la mamma.

Evie e Lily sono state incubate all’ospedale di Derriford. Lily aveva un polmone collassato e i dottori hanno fatto di tutto per stabilizzare le due gemelline. Dopo tre mesi e mezzo in ospedale, i genitori hanno potuto portarle a casa, anche se Lily ha avuto bisogno di una riserva d’ossigeno per altri due mesi.

Da allora, le due sorelle gemelle hanno avuto un recupero completo e lo scorso mese hanno celebrato il loro primo compleanno.

La mamma delle piccole ha dichiarato: “Sono così orgogliosa delle mie ragazze, sono entrambe senza assistenza medica e hanno controlli regolari per assicurarci che proceda tutto per il meglio. Il giorno del loro primo compleanno ero così piena di emozioni, ho pianto, non perché ero triste ma perché ero così orgogliosa di quanto siano andate lontane, del fatto che ce l’hanno fatta.”

E conclude: “Attraverso un anno intero di alti e bassi e pieno di incertezza, nonostante tutto loro mi sorridevano come se niente fosse successo - non sanno quanto sono innegabilmente sorprendenti.”