Il mistero sul piccolo Gioele: il dubbio dei soccorritori

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Viviana Parisi
Viviana Parisi

Proseguono senza sosta le ricerche del piccolo Gioele, il bambino di 4 anni scomparso lunedì insieme alla madre Viviana Parisi dopo un incidente sulla A20 in Sicilia. La donna è stata trovata morta sabato pomeriggio a pochi km dal luogo dell’incidente, nei boschi di Caronia, ma del bimbo si sono perse le tracce.

LEGGI ANCHE: Il mistero dei 20 minuti fatali

Nessuna traccia del bimbo

Al lavoro anche nella notte vigili del fuoco, protezione civile, polizia, finanza, carabinieri con unità cinofile e droni. I soccorritori stanno setacciando anche pozzi o casolari disabitati in zona ma tra molti di loro sta prendendo corpo il dubbio che il bambino non fosse con lei: "Forse lo stiamo cercando nel posto sbagliato", sono le loro parole riportate dal quotidiano La Stampa. Si fa largo l’idea che possa averlo lasciato prima da qualche parte, nel tragitto fra la sua casa di Venetico – a cento chilometri e la galleria dove ha avuto l’incidente, a un chilometro e mezzo dal punto del ritrovamento del cadavere. Magari a Sant’Agata di Militello dove la donna è uscita dal casello autostradale per 22 minuti.

L'autopsia

Tra oggi e domani sarà eseguita l’autopsia sul cadavere della dj originaria del Piemonte per scoprire le cause di questa misteriosa morte.

TI POTREBBE INTERESSARE - Beirut, partorisce nel momento dell’esplosione