Il mostro di Loch Ness era in realtà un'enorme anguilla?

sonia montrella

Nessie, il celebre mostro di Loch Ness, potrebbe essere una gigantesca anguilla. Mostruosa - se così fosse - ma non irreale. È l'ultima tesi sulla leggenda di Nessie formulata dai ricercatori dell'università di Otago, in Nuova Zelanda. Gli studiosi hanno provato a catalogare tutte le specie animali esistenti nel lago scozzese estraendone il DNA dai campioni di acqua. Lo scopo non era quello di appurare l'esistenza della creatura leggendaria ma di ampliare la conoscenza sulla fauna e flora che popolano lo specchio d'acqua.

Dai test è emerso che nel lago "c'è una quantità molto significativa di DNA di anguille”, ha spiegato alla BBC Neil Gemmell. “Il loro DNA si trova praticamente in ogni luogo campionato”. Ma come sappiamo che sono giganti? “I nostri dati non rivelano le loro dimensioni, ma la quantità di materiale suggerisce che non possiamo scartare la possibilità che ci siano anguille giganti a Loch Ness.

Pertanto non possiamo scartare la possibilità che ciò che la gente vede e credo che il mostro di Loch Ness potrebbe essere un'anguilla gigante”. Gli studiosi hanno anche escluso la presenza di quegli animali indicati come possibili Nessie: plesiosauro o  elasmosauro, rettili marini preistorici sopravvissuti in qualche modo all'estinzione. “Sulla base dei dati che abbiamo ottenuto, non credo che l'ipotesi relativa al plesiosauro regga”, ha commentato ancora Gemmell. “E non c'è nemmeno DNA di squalo su tutto il nostro campionamento. O di pesce gatto. O di storione”.

Il mostro di Loch Ness è uno dei miti più antichi e duri a morire della Scozia. Ispira libri, programmi TV e film e alimenta una grande industria turistica. La storia del mostro può essere fatta risalire a 1.500 anni fa, quando, stando a quanto si narra, il missionario irlandese St Columba incontrò una bestia nel fiume Ness nel 565 d.C.

Più tardi, negli anni '30, The Inverness Courier riferì il primo avvistamento moderno di Nessie.

Nel 1933, la corrispondente del quotidiano Fort Augustus, Alec Campbell, scrisse di un avvistamento su ciò che si credeva fosse Nessie: una creatura simile a una balena che si agitava e precipitava nell'acqua.  L'editore all'epoca, Evan Barron, suggerì che la bestia fosse descritta come un "mostro", dando vita al moderno mito del mostro di Loch Ness​

Nel 1934, un chirurgo britannico molto rispettato, il colonnello Robert Wilson, affermò di aver scattato una fotografia del mostro mentre guidava lungo la costa settentrionale di Loch Ness.

Conosciuta come "Surgeon's Photograph” (La foto del chirurgo), è stata dichiarata una bufala confezionata ad arte 60 anni dopo. Il "mostro" catturato dalla telecamera era apparentemente un sottomarino giocattolo acquistato da Woolworths, con una testa modellata con stucco di legno.

Nella sua ricerca su Nessie, il paleontologo di Glasgow, Neil Clark,  ha scoperto che fiere e circhi erano un evento comune nell'area di Inverness ll'inizio degli anni '30. E sulla base di questa scoperta, ha teorizzato che Nessie altro non fosse che un elefante che nuotava nel lago mentre le carovane del circo si fermavano per far riposare gli animali. Un'altra teoria è che i grandi rami caduti che galleggiano nel lago sono la causa di avvistamenti di mostri.