Il motivo per cui non dovresti prendere un'aspirina al giorno

Aspirina (Photo Illustration by Tim Boyle/Getty Images)

Un proverbio dice che una mela al giorno toglie il medico di torno. In un certo senso è vero, perché il dolce frutto (del 'peccato', per la Bibbia) ha un carico notevole di vitamine, carboidrati e minerali.

A quanto pare però in diverse zone del mondo a essere assunta una volta al giorno è l'aspirina. Le celebri pastiglie però non tolgono il medico di torno, anzi.

Uno studio condotto all'Università di Harvard, e basato sull'incredibile dato di 29 milioni di persone oltre i 40 anni che assumono quotidianamente la medicina, mostra che gli effetti di tale abitudine sono poco positivi.

Il motivo per cui molte persone decidono di prendere questo farmaco con queste modalità è un'ipotetica ma mai confermata riduzione del rischio di attacchi di cuore. Non solo: di questi 29 milioni, ben 10 milioni di persone oltre i 70 anni prendono l'aspirina a titolo di prevenzione, senza mai aver avuto problemi al cuore.

Lo studio dice che non esiste alcun beneficio, né grande né marginale. Anzi, pare che chi non ha rischi per il cuore può subire emorragie cerebrali. Insomma, i dottori che prescrivono tale cura devono essere molto attenti a non provocare danni collaterali, riflettendo piuttosto sull'opportunità di cercare prevenzione con altri sistemi.

Certo, i pazienti che assumono aspirina ogni giorno perché il dottore lo ha raccomandato si possono sentire più ottimisti e possono anche ipotizzare di aver trovato il bengodi, ma in realtà la prevenzione non è mai dietro alla bacchetta magica. Secondo le risultanze dello studio sono più efficaci il controllo della pressione e del colesterolo lungo molti anni.

Viceversa, chi ha già avuto problemi al cuore può continuare anche ad assumere un'aspirina al giorno. Non ci dovrebbero essere, secondo gli attuali studi in essere, problemi collaterali. Anche qui, però, è ancor più raccomandato uno stile di vita sano - obiettivo sicuramente più... difficile, a livello puramente teorico, che buttar giù una pastiglia.