Il Niger vittima di una carestia frutto della crisi climatica

featured 1620745
featured 1620745

(Adnkronos) – Il Niger è vittima dei cambiamenti climatici. Le piogge sempre più irregolari e le stagioni secche più lunghe fanno sì che molte zone del Paese non abbiano avuto un buon raccolto da più di dieci anni. Le temperature stanno aumentando 1,5 volte più velocemente rispetto al resto del mondo, portando a una siccità che sta erodendo il 14% di terra coltivabile. Solo l'anno scorso si è registrato un calo del 39% nella produzione di cereali. Per il 2022 si prevede che 4,4 milioni di persone, il 18% della popolazione, dovranno far fronte a una forte insicurezza alimentare.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli