Il nonno di Eitan dice di non aver mai saputo del divieto di espatrio

·1 minuto per la lettura

AGI - I legali del nonno Shmuel Peleg, agli arresti domicialiari in Israele, sostengono che non gli siano mai stati notificati il divieto di espatrio e tutti i provvedimenti relativi alla vicenda Eitan dal 10 agosto in poi. A sostegno della loro tesi, portano il documento del 10 agosto firmato dal giudice tutelare di Pavia, Michela Finucci, che rigetta la nomina a tutore di Peleg e invita il tutore, la zia Aya, "a domandare" al nonno del bambino "la consegna del passaporto" del piccolo "entro e non oltre il 30 agosto 2021".

"Ritenuto quindi meno l'interesse di Samuel Peleg e di Esther Cohen a rimanere inseriti nel presente procedimento ed avere accesso agli atti esperiti successivamente al deposito telematico di detto procedimento - si legge nell'atto giudiziario letto dall'AGI - il giudice manda alla cancelleria perché compia quanto necessario al fine di non mantenere più inserite nel procedimento le parti indicate".

Da queste ultime parole, secondo i legali, si evince che non avrebbero più potuto ricevere comunicazioni, mai  nemmeno notificate in altro modo, sul portale del processo civile telematico Polisweb. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli