Il noto virologo "salterà" l'interrogatorio. La Legale ha spiegato i motivi

·1 minuto per la lettura
Massimo Galli salta interrogatorio
Massimo Galli salta interrogatorio

Il noto virologo Massimo Galli non sarà presente all’interrogatorio che si terrà nel pomeriggio di martedì 12 ottobre alla Procura di Milano. A spiegare le motivazioni la legale del virologo Ilaria Li Vigni che sentita da Adnkronos ha affermato che la priorità sarà quella di attendere l’esito delle indagini: “Galli ha interesse a chiarire, ma attendiamo la chiusura indagine, quando il quadro accusatorio sarà chiaro”

Massimo Galli salta interrogatorio, la vicenda

La vicenda risale a giugno 2019 quando venne effettuata una selezione per una docenza di ruolo in seconda fascia nella quale secondo quanto venne formulato dall’accusa, il noto virologo avrebbe in qualche modo “pilotato” l’assunzione di Massimo Puoti che venne scartato a favore di Agostino Riva.

Massimo Galli salta interrogatorio, nel 2020 ci sarebbe stato un altro caso

Nel frattempo stando a quanto riporta MilanoToday, nei documenti relativi all’inchiesta, a giugno 2020 risultò esserci stato un altro secondo caso. Da prime informazioni sulla vicenda, sembra che il noto virologo, nell’ambito delle assunzioni di personale ospedaliero a tempo determinato per quattro dirigenti biologi. In questa occasione, pare che Galli abbia favorito l’assunzione di due candidate.

Massimo Galli salta interrogatorio, “Non ho niente da ridere

Intanto ci sono come, al slito è arrivata no la replica di Galli: “Sono tranquillo, non ho niente da dire”. Sono cose di cui non ho contezza nella maniera più assoluta”, chiudeva un commento sulla vicenda.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli