Il numero dei decessi per Covid potrebbe essere sbagliato. E non di poco

·8 minuto per la lettura

AGI - Il bilancio globale delle vittime della pandemia di Covid-19 è di circa 5,5 milioni, ad oggi. Ma questa cifra potrebbe essere errata, riferiscono alcuni scienziati in un articolo su Nature. Alcuni dati ufficiali, infatti potrebbero essere calcolati in maniera inesatta o parziale. Ad esempio, riportano gli esperti, centinaia di Paesi non raccolgono statistiche affidabili sui decessi previsti o effettivi, o non le rilasciano in modo tempestivo. Inoltre, altri non tengono conto delle registrazioni dell'eccesso di mortalità, una metrica che implica il confronto di tutti i decessi registrati con quelli che dovrebbero verificarsi.

All'inizio della pandemia, paesi come i Paesi Bassi hanno contato solo le persone morte in ospedale dopo essere risultate positive al coronavirus SARS-CoV-2. Il vicino Belgio includeva morti nella comunità e tutti coloro che sono morti dopo aver mostrato i sintomi della malattia, anche se non erano stati diagnosticati. E quindi alle stime ufficiali, si sono accostate indagini di diversi enti, dalle Università a testate come The Economist, che utilizzano metodi che vanno dalle immagini satellitari dei cimiteri ai sondaggi porta a porta e ai modelli computerizzati di apprendimento automatico che cercano di estrapolare stime globali dai dati disponibili.

Secondo queste misurazioni, le morti in eccesso a livello globale potrebbero essere il doppio o addirittura quadruplo della cifra ufficiale. E mentre l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sta ancora lavorando alla sua prima stima globale, l'Institute for Health Metrics and Evaluation di Seattle, Washington offre aggiornamenti quotidiani dei propri risultati nonché proiezioni di quanto velocemente il numero globale potrebbe aumentare.

E uno dei tentativi di più alto profilo di ottenere una stima globale è arrivato dalla rivista The Economist di Londra che ha utilizzato un approccio di apprendimento automatico per produrre una stima di 12-22 milioni di morti in eccesso, ovvero tra 2 e 4 volte il bilancio ufficiale della pandemia. Ecco perché i ricercatori si sono rapidamente rivolti all'eccesso di mortalità come misura del bilancio della pandemia.

I dati sull'eccesso di mortalità

I dati sull'eccesso di mortalità sono apparentemente facili da calcolare: confrontare i decessi durante la pandemia con la media registrata negli ultimi cinque anni circa. Ma anche nei paesi ricchi con sistemi completi e sofisticati per denunciare i decessi, i dati sull'eccesso di mortalità possono essere fuorvianti. Giacomo De Nicola, statistico presso l'Università Ludwig Maximilian di Monaco in Germania ha lavorato con il suo dipartimento di statistica a uno studio del 2021 per calcolare la mortalità in eccesso causata dalla pandemia in Germania.

Il suo team ha scoperto che confrontare i decessi con la mortalità media negli anni precedenti sottostimava costantemente il numero di decessi previsti e quindi sovrastimava i decessi in eccesso. Il motivo era un aumento della mortalità nazionale annuale, a cui ha contribuito un aumento del numero di persone di età pari o superiore a 80 anni, una generazione troppo giovane per combattere e morire durante la Seconda guerra mondiale.

I dati grezzi comunicati alla stampa dell'ufficio statistico tedesco lo scorso anno hanno riportato il 5% in più di decessi nel 2020 rispetto al 2019. Ma dopo aver tenuto conto della struttura per età, il gruppo di De Nicola ha ridotto questo valore a solo l'1%. "A causa della mancanza di un metodo generalmente accettato per l'adeguamento dell'età, sono abbastanza certo che questo problema si estende a molti altri paesi", afferma lo scienziato.

Alcuni demografi sono d'accordo. "Mi preoccupa che alcune cosiddette stime sui decessi in eccesso degli uffici statistici nazionali utilizzino solo la media degli ultimi cinque anni di decessi come decessi previsti. Nell'invecchiamento della popolazione, è improbabile che questa sia la stima migliore", afferma Tom Wilson, demografo dell'Università di Melbourne, in Australia.

Rispondendo al lavoro di De Nicola, Felix zur Nieden, un demografo presso l'ufficio statistico tedesco, afferma di essere d'accordo sul fatto che i numeri grezzi dovrebbero essere adeguati per tenere conto della struttura per età e di altri dettagli.

Il fattore invecchiamento

Analisi più sofisticate adeguano la linea di base dei decessi attesi per tenere conto di tali distorsioni, ad esempio aumentando il numero di decessi attesi con l'invecchiamento della popolazione. Probabilmente la più completa di queste stime sull'eccesso di mortalità proviene da Ariel Karlinsky, economista presso l'Università Ebraica di Gerusalemme in Israele, e Dmitry Kobak, uno scienziato di dati presso l'Università di Tubinga, in Germania.

Da gennaio 2021, Karlinsky e Kobak hanno prodotto un database regolarmente aggiornato della mortalità per tutte le cause prima e durante la pandemia (2015-21) da quante più fonti e per il maggior numero possibile di luoghi attualmente circa 116 paesi e territori. Si chiama World Mortality Dataset (WMD), la maggior parte delle informazioni proviene da statistiche ufficiali sulla morte raccolte e pubblicate da uffici e governi nazionali.

In molti casi, le stime di Karlinsky e Kobak sulle morti in eccesso divergono significativamente dalle statistiche sulla mortalità per Covid-19 pubblicate dai governi. La Russia, ad esempio, ha registrato oltre 300.000 decessi per Covid-19 entro la fine del 2021, ma è probabile che in quel periodo abbia superato 1 milione di decessi in eccesso.

Per i paesi coperti dalle armi di distruzione di massa, i dati ufficiali suggeriscono che 4,1 milioni di decessi dall'inizio della pandemia sono dovuti a Covid-19, circa il 10% di tutti i decessi durante quel periodo. Ma i calcoli del duo suggeriscono che, tenendo conto della mortalità in eccesso, i decessi legati al Covid-19 sono 1,6 volte maggiori, con circa 6,5 milioni di decessi (o il 16% del totale).

In alcuni paesi, l'impatto relativo del virus è ancora maggiore. Un terzo di tutte le morti in Messico può essere attribuito al virus, suggeriscono i dati di Karlinsky e Kobak. Il modello utilizzato da The Economist per tracciare la pandemia di Covid-19 utilizza l'apprendimento automatico per identificare più di 100 indicatori nazionali che sembrano essere correlati con le morti in eccesso in più di 80 paesi in cui sono disponibili dati.

Queste caratteristiche includono le morti ufficiali, l'entità dei test COVID-19 e i risultati delle indagini sugli anticorpi, ma anche la latitudine geografica, il grado di censura di Internet e il numero di anni in cui un paese è stato una democrazia. "Penso che l'utilizzo di qualsiasi modello per fare una stima di quei luoghi sia solo una cattiva pratica", ha detto Gordon Shotwell, uno scienziato ad Halifax, in Nuova Scozia, a Nature.

"Non si impara nulla formando un modello sui paesi per lo più ricchi con un'elevata aspettativa di vita e applicandolo ai paesi poveri con una bassa aspettativa di vita". Altri demografi concordano con il punto di vista di Shotwell, affermando che applicare la modellazione a paesi senza i propri dati sui decessi è difficile. "Il processo è intrinsecamente imperfetto. I dati sono un vero disastro e quindi qualsiasi sforzo di modellazione sarà molto speculativo", afferma Jon Wakefield, uno statistico dell'Università di Washington a Seattle, che guida un progetto di modellazione gestito dall'OMS per stimare il bilancio delle vittime in eccesso della pandemia.

Il modello statistico dell'IHME

"È molto frustrante perché i dati sono così limitati. Non sono contento delle ipotesi che siamo costretti a fare, ma stiamo facendo del nostro meglio". Il progetto, che utilizza un modello statistico più semplice di The Economist per colmare le lacune, doveva pubblicare i suoi primi risultati a dicembre, ma non erano stati rilasciati entro metà gennaio quando Nature è andato in stampa.

Stime separate delle morti globali in tempo reale dovute alla pandemia sono prodotte anche dall'Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME), un centro di ricerca sanitaria globale indipendente presso l'Università di Washington. La modellazione dell'IHME afferma che finora sono morte tra i 9 milioni e i 18 milioni di persone; cerca anche di prevedere come aumenterà questo numero e quanto velocemente.

Sebbene la sua cifra globale di mortalità sia in accordo con altre stime, ci sono differenze significative a livello nazionale. Ad esempio, l'IHME stima le morti in eccesso cumulative a quasi 71.000 per il Giappone, rispetto ai 18.000 ufficiali riportati. Tuttavia, il modello dell'Economist stima che le morti in eccesso in Giappone siano comprese tra 550 e 27.000.

Un bilancio che rischia di essere sempre contestato

Ci sono anche altre discrepanze. A maggio, l'IHME ha fatto notizia e ha attirato critiche per aver suggerito che le morti in eccesso negli Stati Uniti nella pandemia fino a quel momento erano fino a 900.000 persone. Era circa 300.000 in piu' rispetto ad altre stime, come quelle dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e le armi di distruzione di massa. A ottobre, l'IHME ha ridotto silenziosamente la cifra di maggio a 670.000 dopo aver apportato modifiche alla sua strategia di modellazione, che alcuni sul campo lamentano sia opaca e difficile da seguire.

L'IHME afferma che presto pubblicherà un documento che descriverà in dettaglio il suo modello. Nella ricerca di modi per contare i decessi, Andrew Noymer, demografo dell'Università della California, a Irvine, afferma che la pandemia e l'aumento della domanda di dati sulla mortalità in tempo reale evidenziano una carenza demografica che risale a decenni fa: molti paesi semplicemente non lo fanno raccogliere buoni dati su nascite, morti e altre statistiche vitali.

"I demografi sono stati parte del problema, perché per 60 anni abbiamo aiutato a mettere i cerotti su questo. Abbiamo sviluppato tutti i tipi di tecniche per stimare i tassi demografici in assenza di dati concreti", afferma. La riflessione di Nature lascia intendere che il vero bilancio delle vittime di Covid-19 potrebbe essere sempre contestato.

"Non sappiamo ancora quante persone siano morte nella pandemia influenzale 1918, ma ho sempre pensato che avremmo saputo abbastanza bene quante persone sarebbero morte nel prossimo, perché viviamo nel mondo moderno", dice Noymer. "Ma in realtà non lo facciamo, ed è un po' triste per me come demografo", conclude il ricercatore.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli