Il NYT elogia il nostro paese: "Un esempio per gestire il Covid"

·1 minuto per la lettura
Coronavirus New York Times
Coronavirus New York Times

Arriva dalle pagine del New York Times, non sempre clemente nei confronti del nostro paese, un elogio all’Italia per la buona gestione dell’emergenza coronavirus sottolineando che dopo essere stata vista come un paria globale, la sua fama è diventata quella di un modello per l’Europa e per il resto del mondo.

New York Times sul coronavirus in Italia

Il corrispondente dalla Capitale Jason Horowitz ha infatti evidenziato come il nostro paese, dopo un inizio con qualche inciampo, abbia consolidato e mantenuto i frutti di un duro lockdown attraverso un mix di vigilanza e competenze mediche. Se da una parte c’era infatti il governo, guidato da comitati scientifici e tecnici, dall’altra c’erano medici locali, ospedali e funzionari sanitari che ogni giorno raccoglievano più di 20 indicatori sul virus e li inviavano all’Istituto Superiore di Sanità. Tutto ciò ha consentito di avere settimanalmente una radiografia del paese per poter prendere decisioni politiche.

Impossibile non sottolineare anche il prezzo pagato con il lockdown in termini economici. Data la chiusura per tre mesi di esercizi commerciali e ristoranti, “si prevede che quest’anno l’Italia perderà circa il 10% del suo prodotto interno lordo“. Una strategia, quella di chiudere tutto, che inizialmente ha attirato le critiche di chi puntava il dito contro l’eccessiva cautela ma che secondo il giornale americano potrà dimostrarsi più vantaggiosa rispetto all’apertura incondizionata mentre il virus infuria ancora.

Il NYT ha anche commentato la proroga dello stato di emergenza al 15 ottobre ritenendola una misura giusta perché permetterà all’esecutivo di mantenere le restrizioni in vigore e rispondere rapidamente a eventuali nuovi focolai.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli