Il “padre” del vaccino AstraZeneca spiega che la "politica vaccinale" attuale è irrealizzabile

·1 minuto per la lettura
Il professor Andrew Pollard
Il professor Andrew Pollard

Dal Regno Unito arrivano le esternazioni di assoluto buon senso di Andrew Pollard, direttore dell’Oxford Vaccine Group e numero 1 dell’UK Committee on Vaccination and Immunization, che sul Daily Telegraph aveva dichiarato: “Non possiamo vaccinare il mondo ogni 6 mesi, concentriamoci sui fragili, perché questo non è sostenibile”.

“Concentriamoci sui fragili”: la ricetta di Andrew Pollard sulle vaccinazioni

A Sky News il “padre” del vaccino AstraZeneca ha ribadito che la strategia vaccinale attuale è irrealizzabile e che le vaccinazioni planetarie, massive e sistematiche non hanno senso. Ha spiegato Pollard che “bisogna concentrarsi sui soggetti fragili” e che servono dati aggiuntivi per capire e fissare in punto di protocollo sanitario “se, quando e come i soggetti vulnerabili avranno bisogno di dosi supplementari”.

Quel 10% dei paesi poveri che ha appena avuto la prima dose, l’appello di Pollard: “Concentriamoci sui fragili”

“Da un punto di vista globale non è sostenibile e praticabile somministrare le quarte dosi a tutti sul pianeta ogni 6 mesi”. E ancora: “Oggi meno del 10% della popolazione nei paesi a basso reddito ha avuto la prima dose. L’idea di somministrare la quarta dose a livello globale semplicemente non ha senso”.

Andrew Pollard, Israele e la quarta dose: “Piuttosto concentriamoci sui fragili”

Quarta dose con cui la pignola Israele ha già cominciato da poco con la somministrazione a medici, operatori sanitari e over 60. E in termini di stato dell’arte nella lotta al coronavirus? Per Pollard “il peggio è alle spalle, bisogna superare l’inverno”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli