Il paese completamente dipinto di fiori: qui non si trovano muri bianchi

A pochi km di distanza da Cracovia vi è un borgo incantato dove il colore è il vero protagonista. Si tratta di un luogo diverso, dove il turista può arrivare per caso e lasciarsi trasportare dalla bellezza e dalla meraviglia che vi si trova. Il suo nome è Zalipie, da tanti conosciuto come Paese Dipinto.

LEGGI ANCHE:--Puglia, il borgo a pochi KM da Alberobello che non tutti conoscono: tra balconi fioriti e balle di fieno con centrini

Zalipie, il Paese Dipinto: curiosità

Zalipie è un paese speciale caratterizzato dalla moltitudine di casette, pozzi, mura dipinti con motivi floreali. Le donne del posto hanno dato inizio a questa tradizione molto tempo fa per un motivo in particolare.

Decisero di colorare le macchie di fuliggine che le vecchie stufe lasciavano sulle pareti. Il bianco dell'intonaco non riusciva a coprirle e così il dipinto divenne l'unica soluzione possibile. I colori portarono un tocco di vivacità, rimasto ancora oggi nonostante gli impianti di ventilazioni siano più moderni e le stufe sono state rimpiazzate da camini e comignoli. La tradizione a Zalipie è diventata un vero e proprio senso di appartenenza cui ogni cittadino fa riferimento.

Felicja Curylowa, residente di Zalipie, nel 1965 dipinse l’intera sua abitazione di fiori ed oggi la sua casa è un museo. Un altro episodio da ricordare risale al 1948 quando venne organizzata la prima gara di pittura, che aveva lo scopo di supportare i residenti ai drammi subiti dalla Seconda Guerra Mondiale. Quella fu solo la prima di una lunga serie ed oggi gli abitanti hanno difficoltà nel trovare ancora degli spazi vuoti da dipingere.

Come raggiungere il borgo

Raggiungere il Paese dipinto è semplice: bisogna percorrere l’A4, che si prende a sud di Cracovia. È necessario seguire la strada per circa un’oretta sino a raggiungere la città di Tarnów, lì si uscirà e seguirà la strada 975, poi la 973. Dopo una serie di chilometri, seguendo i vari cartelli lungo il percorso, si giungerà direttamente a Zalipie.

FOTO: SHUTTERSTOCK