Il Paese testerà le 32 ore lavorative

·1 minuto per la lettura
Lavoro
Lavoro

La Spagna potrebbe diventare tra i primi Paesi al mondo a testare la settimana lavorativa di 4 giorni. Il Governo spagnolo ha accettato la proposta del partito di sinistra Mas Pais e di lanciare un progetto pilota per tutte le aziende che sono interessate a questa nuova idea.

Settimana lavorativa di 4 giorni in Spagna

Iñigo Errejón, del partito di sinistra Más País , ha annunciato su Twitter che si tratta di una proposta epocale, che è stata presentata dai suoi sostenitori con lo scopo di aumentare la produttività dei lavoratori, migliorare la loro salute mentale e combattere il cambiamento climatico. Questa proposta ha un significato ancora più importante in quanto il Covid-19 ha peggiorato le questioni associate al benessere, allo stress e all’equilibrio tra lavoro e vita privata. “La Spagna è uno dei paesi in cui si lavorano più ore al giorno in Europa ma allo stesso tempo non è tra i paesi più produttivi” ha aggiunto Errejón. Questo rende evidente che la produttività non è direttamente proporzionale alle ore lavorate.

La proposta del partito di Más País, per incentivare le aziende ad adottare questa nuova misura, è di coprire i costi per chi riduce la settimana lavorativa del 100% nel primo anno, del 50% nel secondo anno e del 33% nel terzo anno. Le stime del partito hanno rivelato che con queste condizioni parteciperebbero circa 200 imprese e sarebbero coinvolti dai 3000 ai 6000 lavoratori. La speranza del partito è di replicare l’esperienza dell’azienda spagnola Software Delsol, che l’anno scorso ha scelto di testare la settimana lavorativa da 4 giorni con un calo dell’assenteismo, un aumento della produttività e tanta soddisfazione per i lavoratori.